[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Tzitadedda de is Museus - Casteddu

Tzitadedda de is Museus - Casteddu

Tzitadedda Museus Casteddu Postu in su bixinau istòricu de Casteddu de susu, su sistema curturali est in d-unu tretu adatau a fortilesa militari giai in su de XIV sèculus. Mudada a is primus de s’Otuxentus in Arsenali Règiu, in su 1870 in Distretu Militari e, a s’acabbu, iat tentu dannus mannus po is bombardamentus de su 1943. Faci a su 1950 s’Universidadi de is Stùdius de Casteddu detzidit de ammanniai sa sedi de su Museu Archeològicu e de sa Pinacoteca, ponendi-dda aìnturu de unu tzentru de stùdius “de is artis e de sa stòria sarda” intreghendi su progetu a is architetus Pietro Gazzola e Libero Cecchini. Sa fàbrica at a durai fintzas a su 1956. Sighit una proposta noa, scrita in su 1964, chi cambiat calencuna parti, fintzas a fàiri un’àtera muda, candu si sceberat de auniri a su sistema museali is murallas de importu istòricu-archeològicu. S’òpera at a èssiri congruia in su 1979, ma po dd’umperai in totu at a tocai a abetai ancora.
Sa tzitadedda arrispetat is esigèntzias de unu tzentru polifuntzionali modernu e acansat atentzioni manna a s’acòmodu de interventus de fàbricu nous cun is struturas chi fuant giai pesadas. Is progetistas iant umperau pedra carcari scuadrada de Bonària e muraduras in ciumentu a vista, chi arrisurtant arricaus de su portali nou-cràssicu, de su 1825, de s’Arsenali antigu, cun is antas de brunzu de su 1979, òpera de is scurtoris M. Salazzari e R. Cassini. In su spàtziu de su sistema polifuntzionali is ambientis funt organizaus aici. A manu de manca s’agatant is localis de servìtziu, a sa dereta is presonis de Santu Pancràtziu, e sa galleria po is amostas temporaneas cun sa “Sala pentagonali”, chi ospitat su Museu de is Ceras Anatòmicas “Clemente Susini”. Addia de sa galleria est sa setzioni Scièntzias archeològicas e istòricas-artìsticas de su Dipartimentu de Stùdius Umanìsticus de s’Universidadi, inuui est sa Capella de s’Arsenali de su Setixentus, cun portali in carcari scurpiu e asuba sa scurtura de Santa Bràbara. In su tzentru est postu s’edifìtziu chi, de su 1933, chistit su Museu Archeològicu Natzionali. Sighendi in sa pigada, si lompit a una terratza, chi arrisurtat aunia cun d-unus cantu gradinus a s’intrada de su Museu de s’Arti Siamesa, a su costau de custus s’agatant, in sia, su Museu Etnogràficu Regionali chi chistit sa Colletzioni Cocco e sa Pinacoteca Natzionali, struturada in tres pranus. Unu caminu panoràmicu, chi oi non si podit prus apatigai, movit de sa terratza posta a orienti de sa sala de is amostas temporàneas, sighit asuta de is localis de s’ex Dipartimentu Universitàriu, e lompit a s’intrada de su Museu Siamesu e sodigat fintzas a sa turrixedda, posta anca diora fuat su molinu a bentu de su Seixentus.

Cittadella dei Musei - Cagliari

Ubicato nel quartiere storico di Castello, il complesso culturale polifunzionale sorge in un'area adibita a fortificazione militare già nel XIV secolo. Fu riconvertita agli inizi dell'Ottocento in Regio Arsenale, nel 1870 in Distretto militare e, infine, fu pesantemente danneggiata dai bombardamenti del 1943. Intorno al 1950 l’Università degli Studi di Cagliari decise di ampliare la sede del Museo Archeologico e della Pinacoteca, ubicandola all'interno di un centro di studi polivalente ''delle arti e della storia sarda''; ne affidò il progetto agli architetti Pietro Gazzola e Libero Cecchini. L’edificazione ebbe vicende complesse fin dal 1956. Seguì una nuova proposta, redatta nel 1964, che variava alcune parti, fino ad un'ennesima rielaborazione, con la scelta di inglobare nel complesso museale le strutture murarie di rilevanza storico-archeologica. La costruzione fu compiuta nel 1979, ma l’uso reale degli spazi fu ancora successivo e diluito nel tempo.
La Cittadella rispetta le esigenze di un moderno centro polifunzionale e riserva particolare attenzione al rapporto tra i nuovi interventi costruttivi e le strutture preesistenti. I progettisti si avvalsero di conci squadrati di calcare di Bonaria e di murature in calcestruzzo a vista, che risultano impreziositi dal portale neoclassico, risalente al 1825, dell'antico Arsenale, recante ante bronzee datate al 1979, opera degli scultori M. Salazzari e R. Cassini. Nello spazio del complesso polifunzionale gli ambienti si articolano nel seguente modo. A sinistra sono i locali di servizio, a destra le carceri di San Pancrazio, nonché la galleria per le mostre temporanee recante la ''sala pentagonale'', che ospita il Museo delle Cere Anatomiche ''Clemente Susini''. Oltre la galleria è la sezione Scienze archeologiche e storico-artistiche del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università, ove è il settecentesco ambiente della cappella dell'Arsenale, con portale in calcare scolpito e sovrastante gruppo scultoreo, raffigurante Santa Barbara. Al centro è l'edificio che, dal 1993, ospita il Museo Archeologico Nazionale. Proseguendo in salita, si giunge a una terrazza, che risulta unita da alcuni gradini all'ingresso del Museo d'Arte Siamese, al fianco del quale si trovano, in sequenza, il Museo Etnografico Regionale che ospita la Collezione Cocco e la Pinacoteca Nazionale, strutturata su tre livelli. Un percorso panoramico, oggi non più percorribile, inizia dal belvedere ubicato a oriente della sala delle mostre temporanee, continua sotto i locali dell’ex Dipartimento universitario, giunge all'ingresso del Museo Siamese e prosegue fino alla torretta, che ha sostituito l'antico mulino a vento seicentesco.

Museums Complex - Cagliari

Located in the historic district of Castello, this multipurpose cultural complex was built in an area used as a military fortification in the 14th century. In the early 19th century was used as Royal Arsenal, in 1870 as Military district and, finally, it was severely damaged by the bombings in 1943. In 1950, the University of Cagliari decided to enlarge the Archaeological Museum and the Pinacotheca, locating them in a multipurpose study center of “Sardinian art and history”. The project was entrusted to architects Pietro Gazzola and Libero Cecchini. As early as 1956, its construction proved to be complicated. Therefore, a new proposal was drafted in 1964, which introduced some changes, and it continued to be modified until they decided to include the historically and archaeologically valuable walls within the museum complex. The building was completed in 1979, but it actually started to be used only later on.
The Cittadella meets the requirements of a modern multipurpose center and pays particular attention to the relationship between new construction features and existing structures. The designers used square limestone blocks from Bonaria and exposed concrete walls, embellished by the neoclassical portal of 1825 of the ancient Arsenal, with bronze doors of 1979, made by sculptors M. Salazzari and R. Cassini.  Inside the multipurpose complex, the spaces are organized as follows. On the left, there are the service rooms, on the right there are the jails of St. Pancrazio as well as the temporary exhibition gallery with its “pentagonal room”, which hosts the Anatomical Wax Museaum “Clemente Susini”.  Past the gallery, there are the Archaeological sciences and Artistic-historical sciences departments of the University, where is located the chapel of the Arsenal dating back to the 18th century, with a carved limestone portal and surmounted by a statue of St. Barbara. In the middle, there is the building that hosts the National Archaeological Museum since 1993. Going upwards, we reach a terrace which is connected by some steps to the entrance to the Siamese Art Museum, next to which there are the Regional Ethnographic Museum, which hosts the Cocco Collection, and the National Art Gallery, organized on three floors. A scenic route - today no longer viable - starts from the belvedere located on the eastern side of the temporary exhibition room, it continues under the facilities of the former university department, it reaches the entrance to the Siamese Art Museum and continues up to the turret, which replaced the ancien windmill of the 17th century. 

[ Torna all'inizio della pagina ]