[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Turri de su Fenugu – Mara

Turri de su Fenugu – Mara

Turri de su Fenugu Mara Posta in sa punta de sa costera a 86 mèturus apitzus de su livellu de su mari, sa turri dd'iant fabricada in su 1578 cument'e parti de su sistema de càstiu de is costas de sa Sàrdìnnia, progetau cun su scopu de dd'amparai de is bardanas fitianas de is corsàrius morus, chi fuant incumentzadas in su de VIII sèculus. Su primu atacu documentau fuat incapitau in su 705, a su tempus de sa dominatzioni bizantina, candu duas fuant stètias is incursionis arabas chi su presìdiu bizantinu, cumpostu de pagu òminis e mali organizau, non ddis iat pòtziu parai faci in perunu modu.
In is cincuant'annus infatu is cuntierras fuant sighias sèmpiri de prus: in custu  tempus si fabricant is primus turris e is casteddus peri is costas de sa Sardìnnia.
Agoa fintzas is giudicaus sardus e sighendi is Repùbricas Marineras de Pisa e Gènova ndi pesant fortilesas de primu defentza. Bogaus deunutotu is moriscus de s'Ispànnia sa pirateria in su mesuderràneu incarrerat cun prus atrìviu: po totu sa primu parti de su Cincuxentus is bardanas s'arrepitint, spainendi tarrori e degollu in sa genti chi bivit peri is costas de sa Sardìnnia; de su 1522 is affrusadas ant a èssiri agiumai fitianas. Su pirìgulu mannu turcu-arabescu e sa debilesa de is costas sardas, assoru meda a sa costa nordafricana chi, cun is bentus a favori, fuat atesu sceti una dii de mari, aumentàt aici s'arriscu po sa Corona de Ispànnia de pèrdiri su poderi de s'Ísula. A partiri de su 1570 cumentzat a s'incarai s'idea de cuncordai un'arretza de turris in is costas de sa Sardìnnia; in abrili de su 1572 si congruit su progetu de unu sistema de defentza de is costas, cumpostu de medas turris de càstiu, cumpriu de Marco Antonio Camos. Su sdorrobu de is biddixeddas de Quartu Sant'Aleni, Quartùciu e Pirri, acuntèssiu in su 1582 po manu de is corsàrius morus, chi in cuss'ocasioni lompint fintzas a Casteddu, fortzis iat indùlliu a s'urrei Filippo II de Ispànnia a congruiri su progetu de defentza istituendi sa “Reali Amministratzioni de is Turris” fundada in su 1583 cun su scopu de ghiai su sistema in totu.
Custa teniat su compitu de ordimingiai su fàbricu de turris noas e de ddas mantènniri in serbìtziu; arruolàt is sordaus, e fruniat is armas a is tropas; imprefinis teniat fintzas s'incàrrigu de cuberai su dinari po su funtzionamentu cosa sua. Su scopu de tènniri turris costeras at a smenguai in sa segunda dexena de su de XIX sèculus, candu su Cungressu de Vienna detzidit ca ant a èssiri abolius is iscraus e de cunsèghentzia is bardanas s'ant a arredusi. S'ùrtima chi ant a fàiri is morus in Sardìnnia incapitat difatis in su 1815. Giai chi is fortilesas non tenint prus importu ant a èssiri suspèndius is finantziamentus po ddas poderai in stadu e fintzas sa “Reali Amministratzioni de is Turris”, cun d-unu pregoni a firma de s'urrei Càralu Albertu de Savòia, in su 1842, at a sentzai intotu is atividadis. Sceti calencuna de custas at a èssiri umperada fintzas a sa II gherra mundiali cument'e presìdiu doganali o militari, sedis de impiantus telemètricus e de sinnalatzioni o cument'e puntus de càstiu òticu. Su scàbudu de is turris cument'e sistema de defentza datat a su 1989, in s'interis de s'acòrdiu Stadu-Regioni.
Is turris tenint finalidadi de defentza, ma funt fintzas distacamentus ùtilis po su càstiu e po sa comunicatzioni. Si intrat a sa strutura de unu bucaportu, postu a un'artària de 4 o 6 mèturus de terra umperendi scalitas de funi o a antixeddas, chi a s'ora de s'apretu is sordaus de guàrdia dd'as arretirànt illuegus. In is turris prus piticas a su terratzu, nomenau pratza d'armas, si ddoi lompiat a sa matessi manera, intamis a cussas prus imponentis si intràt de scalas in muradura, probianas a su muru de foras o cuberadas in s'introsigu, o a caragolu, custas puru probianas a su muru. Cumenti ordinat s'arti militari s'intrada a sa turri de su Fenugu difatis no est po nudda a discantzu, poita ca s'abertura in su muru de granitu s'agatat a 4 mèturus de artària.  A cunfirma de s'importu chi at tentu sa turri in s'edadi moderna, dd'agatau figurada aìnturu de su stema de su comunu de Maracalagonis, ca est de su territòriu de custu comunu chi Su Fenugu fait parti.

Torre de su Fenugu -  Maracalagonis

Ubicata sul promontorio a 86 metri sopra il livello del mare, la torre fu verosimilmente edificata nel 1578 quale parte del sistema difensivo costiero della Sardegna, elaborato al fine di proteggere le coste dalle frequenti scorrerie dei corsari barbareschi, che ebbero inizio nel secolo VIII. Il primo attacco documentato risale infatti al 705, periodo della dominazione bizantina, nel quale vi furono due incursioni degli arabi cui il presidio bizantino, poco numeroso e piuttosto improvvisato, non poté in alcun modo opporsi. Durante i successivi cinquant'anni gli attacchi seguirono con intensità sempre maggiore: a questo periodo risale la costruzione delle prime torri e castelli lungo le coste della Sardegna. In seguito anche i Giudicati sardi e poi le repubbliche marinare di Pisa e Genova realizzarono numerose fortificazioni costiere di prima difesa. Con la definitiva cacciata dei moriscos dalla Spagna la pirateria mediterranea ricevette un forte impulso: per tutta la prima metà del Cinquecento le incursioni si moltiplicarono, ingenerando terrore e distruzione tra le popolazioni costiere della Sardegna; dal 1522 gli assalti divennero pressoché quotidiani. Il grande pericolo turco-barbaresco e l'estrema vulnerabilità delle coste sarde, determinata dalla vicinanza alla costa nordafricana che, con venti favorevoli, distava soltanto un giorno di navigazione, aumentava dunque il rischio della Corona di Spagna di perdere il controllo dell'Isola. A partire dal 1570 iniziò a profilarsi l'idea di dotare le coste della Sardegna di una rete di torri; nell'aprile del 1572 venne portato a termine il progetto di un complesso sistema difensivo costiero, costituito da numerose torri di guardia, realizzato da Marco Antonio Camos. Il saccheggio dei villaggi di Quartu Sant'Elena, Quartucciu e Pirri, avvenuto nel 1582 da parte dei pirati barbareschi, i quali in quell'occasione giunsero fino alle porte di Cagliari, indusse probabilmente il re Filippo II di Spagna a concretizzare il progetto difensivo con la costituzione della ""Reale Amministrazione delle Torri”, istituita nel 1583 con la finalità di gestire l’intero sistema. Essa aveva il compito di pianificare la costruzione di nuove torri e di provvedere alla loro manutenzione; aveva inoltre la gestione del loro funzionamento, dall'arruolamento dei soldati al rifornimento delle armi per le guarnigioni; infine, aveva anche l’onere del reperimento dei fondi per il proprio funzionamento. La finalità delle torri costiere venne meno nella seconda decade del secolo XIX, quando il Congresso di Vienna sancì l'abolizione della schiavitù e, di conseguenza, della pirateria. Coincide infatti col 1815 l'ultima incursione barbaresca nelle coste della Sardegna. La perdita di interesse strategico dei fortilizi comportò, conseguentemente, la sospensione dei finanziamenti per la loro manutenzione e la stessa ""Reale Amministrazione delle Torri"" venne soppressa, con regio editto del 1842 a firma di Carlo Alberto di Savoia. Soltanto alcune di esse conservarono una relativa importanza e vennero utilizzate fino alla seconda guerra mondiale quali presidii doganali o militari, sedi di impianti telemetrici e di segnalazione oppure punti di avvistamento ottico. La definitiva dismissione delle torri costiere quale sistema difensivo data al 1989, in concomitanza dell'intesa Stato-Regione.
Le torri hanno finalità difensiva, ma costituiscono anche avamposti utili per l’avvistamento e per la comunicazione. L'ingresso alla struttura avveniva attraverso un boccaporto, posto ad una altezza di 4 o 6 metri dal suolo e si effettuava con l'ausilio di semplici scale in corda o a pioli, che all'occorrenza venivano portate rapidamente all'interno dai soldati di guardia. Nelle torri più piccole la terrazza, detta piazza d'armi, si raggiungeva con le medesime modalità, mentre nelle più imponenti vi si accedeva attraverso scale in muratura, poste in aderenza al muro perimetrale o ricavate all'interno di esso, oppure a chiocciola, anch'esse poste a ridosso del muro. Come prescritto dall’arte militare, l’accesso alla torre Su Fenugu è infatti difficoltoso, poiché l’apertura nello spessore murario in granito è praticata a 4 metri di altezza. Ad attestare la considerazione della quale la torre ha beneficiato nel corso dell’età moderna, compare la sua riproduzione all’interno dello stemma del comune di Maracalagonis, al cui territorio oggi Su Fenugu appartiene.

Su Fenugu tower - Maracalagonis

Located on the promontory at 86 meters above sea level, this tower was probably built in 1578 as part of the Sardinian coastal defence system, made to protect the coasts from the frequent raids of the Barbary pirates, which started in the 8th century. The first recorded attack dates back to 705, during the Byzantine rule, when the Arabs conducted two raids that the Byzantine defence - composed of few people and not very well organized - could not stop.  During the following fifty years, the raids took place more often, therefore the first towers and castles were built along the Sardinian coasts. Later, also the Sardinian Giudicati and the Maritime Republics of Pisa and Genoa built many coastal fortifications in order to protect the territory. When the “moriscos” were definetely thrown out of Spain, the pirate raids in the Mediterrenean increased in the first half of the 16th century, causing  panic and destruction among the coastal populations of Sardinia. From 1522 on, the raids took place almost everyday. The great danger represented by the Turkish-Barbery pirates and the extreme vulnerability of the Sardinian coasts, determined by the proximity to the Northern African coast which, with favourable winds, was only one day of sailing away, increased the risk for the Crown of Spain to lose control over the island.  From 1570 the idea of building a network of towers along the Sardinian coasts began to spread. In April of 1572, a complex system of coastal defence composed of many watchtowers was designed by Marco Antonio Camos. The looting of the villages of Quartu Sant'Elena, Quartucciu and Pirri in 1582 by the Barbary pirates, who reached the gates of Cagliari, probably induced King Philip II of Spain to implement the defence plan and he established the “Royal Administration of the Towers” in 1583 to manage the entire system.  Its task was to plan the building of new towers and to arrange for their maintenance. Moreover, it was in charge of its operation, from the recruitment of the soldiers to the supply of the weapons to the garrisons; finally, it was also responsible of the collection of the funds for its operation. The purpose of the coastal towers faltered in the second decade of the 19th century, when the Congress of Vienna abolished slavery and therefore piracy. In fact, the last Barbary pirate raid on Sardinian coasts dates back to 1815. The loss of strategic interest for the fortresses saw the end of the fundings for their maintenance and of the “Royal Administration of the Towers”, which was abolished with a royal edict signed by Charles Albert of Sardinia in 1842. Only some of them remained relatively important and were used up to the Second World War as customs or military facilities, telemetric and signalling plants or optical sighting points.  The final disposal of the coastal towers as defence system dates back to 1989, thanks to an agreement between the State and the regional government.
The towers have defence aims, but they are also useful posts for sighting and communication purposes. The entrance to the facility was through a hatchway, located at 4 or 6 meters above the ground level, and it was made using rope or normal ladders, which could be taken inside quickly by the guards, if necessary.  In smaller towers, the terrace - called place-of-arms - was accessed in the same way, while the bigger ones where accessed through masonry stairs, connected to the perimeter wall or carved inside of it, or spiral stairs, connected to the wall. As required by military art, the access to Su Fenogu tower is not easy, as its opening on the granite wall is located at an altitude of 4 meters above sea level. Proof of the importance that the tower had in modern times is its reproduction in the coat of arms of the municipality of Maracalagonis, as Su Fenogu tower today is located in its territory.

[ Torna all'inizio della pagina ]