[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Seu – Casteddu

Seu – Casteddu

Cattedrale Casteddu Sa seu de Casteddu: (1200) un'arrichesa de stilis chi est sa stòria de sa Tzitadi

Sa seu de Santa Maria Assunta e de Santa Cecìlia est su logu arreligiosu prus importanti de Casteddu, sa prus importanti de s'arcidiocesi metropolitana e finas sa crèsia de su bixinau de Casteddu de Susu. Su stili ndi benit de is sèculus de sa stòria de Casteddu, e difatis est un'amesturu de paricis scolas artìsticas. Ndi-dda ant pesada in su 1200, a stili romànicu-pisanu e dd'ant nomenada catedrali in su 1258. Candu Casteddu fiat sa capitali de s'Arrènniu de Sardìnnia, ddoi giurànt is arrapresentantis de is tres Stamentus (is partis de su parlamentu sardu). In su '600 e in su '700 ddoi ant fatu traballus cunforma a su stili barocu. A primìtziu de su '900 nd'ant stantargiau sa faciada a stili romànicu-nou. Oindii est unu monumentu intra is prus abisitaus de Casteddu.
Sa primu fundada dd'ant fata is pisanus chi ndi-dda ant pesada aìnturu de Castel di Castro. Sa fundatzioni podit essi faci a su 1217, candu is pisanus si-ndi fiant andaus a su montixeddu de Casteddu e sa primu testimonia chi chistionat de sa crèsia de Santa Marie de Castello est de su 1254, a stili romànicu, e fiat intitulada a Santa Maria Assunta.
In su 1258 is pisanus ndi iant sderrutu sa capitali giudicali de Santa Ìgia e sa seu de Santa Cecìlia, sa crèsia de Santa Maria di Castello insandus fiat bènnia a essi sa seu de Casteddu, aciungendi-nci a Santa Cecìlia in s'intitulatzioni. A primìtziu de su 1300 ant fatu su transetu e sa pranta de sa crèsia est bènnia a essi a gruxi ladina, e finas duus portalis. Àterus traballus ddus ant fatus in sa faciada e in su campanili. Faci a su 1320, a manu manca, ddoi ant fatu sa primu capella. Candu a Casteddu dd'iant conchistada is aragonesus, custus nd'iant fatu stantargiai àteras tres capellas in su transetu a manu dereta. Ma de custas perou nd'est aturada una sceti chi difatis si narat Capella Aragonesa o de Sa Spina Sagrada. 
In su 1618 iant acabau is traballus chi iat bòfiu s'arciobispu Francisco Desquivel po ndi stantargiai su santuàriu de is màrtiris, artziendi-nci su presbitèriu. In su 1669 un'àteru obispu spanniolu, Pietro Vico, iat ordinau traballus a parti de aìnturu in sa faciada, donendi is traballus a Domenico Spatarno. In su 1702 s'architetu Pietro Fossati nd'iat torrau a fai sa faciada a stili barocu acabendi is traballus in su 1704. Àterus traballus iant tocau su pamentu, is capellas, is colunnas e ndi iant finsas stantargiau duas tumbas a is obispus Machin e La Cabra. E aici sa crèsia romànica fiat sparèssia po benni a essi a stili barocu. A primìtziu de su 1900 po mori de su sovrantendenti Dionisu Scanu, ndi iant torrau a sciusciai sa faciada, ca cussu speràt de ddoi agatai sa faciada romànica asuta, e sa crèsia fiat abarrada giai binti annus chentza de faciada. Finsas a candu in su 1933 no si-dda ant torrada a fai sa faciada a stili neoromànicu manigendi sa perda de Bonàiri e àterus arrogus de sa crèsia etotu. Su progettu fiat de s'architetu Francesco Giarrizzo. In su 1999 is ùrtimus traballus de sa cùpola, de sa cobertura e de su campanili.


La Cattedrale di Cagliari:  (1200) una ricchezza di stili che è la storia della città

La cattedrale di Santa Maria Assunta e di Santa Cecilia è il principale luogo di culto di Cagliari, chiesa madre dell'omonima arcidiocesi metropolitana e parrocchiale del quartiere storico Castello.
La chiesa si presenta come un connubio di diversi stili artistici e custodisce sette secoli di memorie storiche della città di Cagliari. Costruita nel corso del duecento, in stile romanico pisano, venne elevata al rango di cattedrale nel 1258. Quando Cagliari fu capitale del regno di Sardegna, al suo interno prestavano giuramento i rappresentanti dei tre stamenti (bracci del parlamento sardo). Nel corso del seicento e del settecento il tempio fu rinnovato secondo i canoni dello stile barocco. Negli anni trenta del novecento venne innalzata l'attuale facciata in stile neoromanico, ispirata al prospetto del duomo di Pisa.
La cattedrale, oltre ad essere un importante luogo di culto cattolico, in cui si svolgono le principali celebrazioni dell'anno liturgico presiedute dall'arcivescovo, è uno dei più noti e visitati monumenti di Cagliari.
Il primo impianto della chiesa si deve ai pisani, che la costruirono entro le mura della loro roccaforte, il Castel di Castro.

Fondata probabilmente già nel 1217 (quando i pisani si insediarono nel colle di Castello), la prima menzione che attesta l'esistenza della chiesa di Sancte Marie de Castello risale al 1254[1]. In forme romaniche, questa chiesa originaria aveva pianta rettangolare, divisa in tre navate da colonne, con volta a crociera sulle due navate laterali e copertura in legno della navata centrale ed era dedicata, come la cattedrale di Pisa, a santa Maria Assunta.
Nel 1258, dopo la distruzione da parte dei pisani della capitale giudicale Santa Igia e della cattedrale di Santa Cecilia, la chiesa di Santa Maria di Castello fu elevata al rango di cattedrale della diocesi cagliaritana, affiancando il culto a santa Cecilia nell'intitolazione. Agli inizi del XIV secolo venne realizzato il transetto, che rese la pianta della chiesa a forma di croce latina, e le relative due porte laterali. Sulla facciata venne inoltre aperta una bifora gotica e vennero eseguiti interventi sul campanile. Al primo ventennio del XIV secolo si fa risalire la costruzione della prima cappella, in stile gotico italiano, innestata nel braccio sinistro del transetto.
Con la conquista di Cagliari da parte degli aragonesi venne completato il transetto destro ed edificate altre cappelle, delle quali solo quella della "Sacra Spina" (detta anche "Cappella Aragonese") è rimasta intatta.
Nel 1618 si conclusero i lavori con i quali l'arcivescovo Francisco Desquivel fece rialzare il presbiterio per costruire il santuario dei Martiri. Il 22 novembre 1669 (giorno della festa di santa Cecilia) un altro vescovo spagnolo, Pietro Vico, ordinò di rifare gli interni e la facciata in stile Barocco, affidando la direzione dei lavori a Domenico Spotorno.
La ristrutturazione, che durò fino al 1704, cancellò quasi completamente la primitiva chiesa romanica: nel 1702 la facciata fu rifatta dall'architetto Pietro Fossati in stile barocco, il pavimento venne sostituito con tarsie marmoree, pilastri calcarei presero il posto delle colonne romaniche, all'incrocio tra la navata centrale ed il transetto venne edificata la cupola e le cappelle gotiche del transetto vennero murate. Al loro posto vennero edificati i monumenti funebri degli arcivescovi Machin e La Cabra.
Nei primi anni del Novecento, in seguito al distacco di alcuni elementi marmorei, la facciata barocca fu demolita al termine di una disputa che vide protagonista l'allora soprintendente ai monumenti Dionigi Scano il quale confidava nella speranza di ritrovarvi sotto l'antica facciata romanica. La cattedrale rimase circa venti anni priva di facciata, finché, nel 1933 venne edificata l'attuale facciata neoromanica in stile pisano utilizzando la "pietra forte", una pietra calcare del colle di Bonaria e frammenti scultorei della chiesa originaria. Il progetto venne attuato su disegno dell'architetto Francesco Giarrizzo.
Nel 1999 è stato effettuato un restauro della cupola, del tetto e del campanile.


The Cathedral of Cagliari (1200): a wealth of styles that embodies the history of the city
The Cathedral of Saint Mary of the Assumption and Saint Cecilia is the main place of worship in Cagliari, the mother church of the homonymous metropolitan and parochial archdiocese of the historic district Castello. The church looks like a combination of different artistic styles and contains seven centuries of historical memories of the city of Cagliari. Built during the 13th century, in a Pisan Romanesque style, it was elevated to the rank of cathedral in 1258. When Cagliari was the capital of the kingdom of Sardinia, inside its halls the representatives of the three stamenti (the arms of the Sardinian parliament) took their vows. During the 17th and 18th centuries, the temple was renovated according to the canons of the Baroque style. In the 30s of the 20th century, inspired by the prospect of the cathedral of Pisa, the current neo-Romanesque facade was erected. The cathedral, as well as being an important place of Catholic worship, in which the main celebrations of the liturgical year, chaired by the archbishop, are held, is one of the best known and most visited monuments of Cagliari.
The first plant of the church was made by the Pisans, who built it within the walls of their stronghold, the Castel di Castro. Probably already established in 1217 (when the Pisans settled in the Colle di Castello), the first mention that certifies the existence of the church of Sancte Marie de Castello dates back to 1254. Built in Romanesque style, this original church had a rectangular plan, divided by columns into three naves, with a cross vault on the two side aisles and a wooden roof of the nave. It was dedicated, as the cathedral of Pisa, to Saint Mary of the Assumption. In 1258, after the Pisans destroyed the judicial capital Saint Igia and the Cathedral of Saint Cecilia, the church of Saint Mary of Castello was elevated to cathedral of the Diocese of Cagliari, and the cult to Saint Cecilia was added to its title. At the beginning of the 14th century, the transept - which made the plan of the church into the shape of a Latin cross - and its two side doors were built. On the front, a mullioned Gothic window was open and interventions were carried out on the bell tower. On the first two decades of the 14th century, the first chapel was built, in Italian Gothic style, attached to the left branch of the transept. With the conquest of Cagliari by the Aragonese, the right transept was completed and other chapels built, of which only the one of the "Holy Thorn" (also called the "Aragonese Chapel") remains intact.
The Baroque facade of the cathedral
In 1618, the works, with which Archbishop Francisco Desquivel did raise the presbytery to build the Martyrs' Shrine, were completed. The November 22, 1669 (the feast day of Saint Cecilia) another Spanish bishop, Peter Vico, ordered to redo the interior and the Baroque facade, entrusting the supervision of works to Domenico Spotorno. The renovation, which lasted until 1704, almost completely erased the original Romanesque church: the facade was rebuilt in Baroque style in 1702 by architect Pietro Fossati, the floor was replaced with inlaid marble, limestone pillars took the place of the Romanesque columns, and in the intersection between the nave and the transept the dome was built and the Gothic chapels of the transept were walled. In their place, the tombs of archbishops Machin and La Cabra were built. In the early years of the 20th century, following the fall of some marble elements, the Baroque facade was demolished at the end of a dispute in which the then superintendent of monuments Dionigi Scano was prominent - he confided hoping to find the ancient Romanesque facade under the newer one. The cathedral remained about twenty years without a facade, until, in 1933, the current neo-Romanesque facade in Pisan style was built with "hard stone", a limestone from the Bonaria hill, and sculptural fragments of the original church. The project was implemented on a design by architect Francesco Giarrizzo. In 1999, a restoration of the dome, roof and steeple was completed.

[ Torna all'inizio della pagina ]