[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Santuàriu de Nosta Sennora de Bonària - Casteddu

Santuàriu de Nosta Sennora de Bonària - Casteddu

Santuàriu Bonaria Casteddu Su santuàriu dd'iant fabricau in su cùcuru de Bonària in su campusantu de sa tzitadi romana, innui fuant bessias a campu, in s'Otuxentus, unas cantu tumbas cristianas. Su fàbricu est de is annus 1324-1325 e est òpera de sa Corona de Aragona, chi iat otentu su “Regnum Sardiniae et Corsicae” de su paba Bonifàtziu VIII e si fuat aposentada in su cùcuru, cun su scopu de binci e de nci bogai a is Pisanus de Casteddu de sus. S'acabbu de sa tzitadedda de Bonària fuat sutzèdiu, in su 1326, candu s'apendìtziu tuscanu si fuat arrèndiu a sa Corona de Aragona, ma su santuàriu, in orìgini dedicau a sa Santìssima Trinidadi e a sa Madonna, iat sighiu a èssiri ofitziau.Su santuàriu est unu de is primus fàbricus chi s'apubat candu si lompit de mari. Sa madonna de Bonària, difatis, est alabada cument'e amparadora de is navigantis poita ca, segundu su cunnotu, sa stàtua de linna, intrea e chistia aìnturu de una càscia, fuat arribbada in su 1370 a s'oru de su mari casteddaju. Non si sciit candu dd'iant scurpia, chi podit èssiri in sa segunda mitadi de su de XV sèculus (chi perou non torrat cun sa data tramandada in su contu) e est un'òpera ìbero-campana de grandu valori.Su santuàriu gòticu-cadelanu, chi Renata Serra iat definiu sa prus architetura antiga gòticu-cadelana in Sardìnnia, dd'iant progetau cunforma a su mòlliu de sa capella de Sant'Àgata, posta àinturu de su Palàtziu reali majori de Bartzellona (1302-11). Tenit una pranimetria a una navada sceti e s'àbsidi semidecagonali est a gruxera, probiana a custa est sa turri de su campanili poligonali, afortiada cun cuntrafortis, sa positzioni in logu aici disavvesu est fortzis funtzionali a sa natura de turri de càstiu, posta aìnturu de sa muralla chi amparàt sa tzitadedda aragonesa. Totu sa parti de foras est modulau de cuntrafortis poderosus, tramesu custus iant abertu in su Cincuxentus is capellas de is partis, sciusciadas in su Setixentus in totu sa parti a manu dereta e de custas abarrat sceti s'arcu de intrada a sa Basìlica. 

Santuario di Nostra Signora di Bonaria – Cagliari

Il santuario fu edificato sul colle di Bonaria nella necropoli della città romana, ove vennero alla luce, nel corso dell'Ottocento, alcune antiche tombe cristiane. La costruzione risale al 1324-1325 ed è opera della Corona d'Aragona, la quale aveva ottenuto il "Regnum Sardiniae et Corsicae" dal pontefice Bonifacio VIII e si era pertanto insediata nel colle, al fine di espugnare il Castello e di sostituire l'egemonia pisana. La resa del quartiere toscano alla Corona d'Aragona, nel 1326, determinò la fine della cittadella di Bonaria, ma il suo santuario, originariamente intitolato alla Santissima Trinità e alla Madonna, continuò ad essere officiato.
Il santuario è uno dei primi edifici che si avvista dal mare. La Madonna di Bonaria, infatti, è venerata quale protettrice dei naviganti poiché, secondo la tradizione, il suo simulacro ligneo, integro e custodito entro una cassa, approdò nel 1370 sul litorale cagliaritano. Non si conosce la data della scultura, che verosimilmente risale alla seconda metà del XV secolo (con una conseguente contraddizione rispetto alla datazione originaria che la leggenda assegna alla scultura) ed è pregevole opera ibero-campana.
Il santuario gotico-catalano, che Renata Serra definì la più antica architettura gotico-catalana in Sardegna, fu progettato sul modello della cappella di Sant'Agata, ubicata all’interno del Palazzo reale maggiore di Barcellona (1302-11). Reca planimetria a navata unica e abside semidecagonale voltata a crociera ombrelliforme, addossata alla quale è la torre campanaria poligonale, rinfiancata da contrafforti, la cui insolita ubicazione è probabilmente funzionale alla natura di torre di avvistamento, compresa nella cinta muraria che proteggeva la cittadella aragonese. Il perimetro esterno è ritmato da possenti contrafforti, tra i quali furono aperte nel Cinquecento le cappelle laterali, demolite nel Settecento sull’intero lato destro e delle quali rimane soltanto l'arco d'accesso alla Basilica. La copertura, originariamente lignea, fu sostituita nel XIX secolo da una volta a botte spezzata, scandita da sottarchi. I restauri ottocenteschi snaturarono l'originaria conformazione del Santuario, che venne allungato per allinearlo alla basilica, iniziata nel 1704 e completata solo nel 1926.
La facciata, riedificata in conci calcarei, include gli stipiti e l'arco ogivale modanato del portale di San Francesco di Stampace, perduta chiesa duecentesca.

The Sanctuary of Our Lady of Bonaria - Cagliari

The sanctuary was built on the hill of Bonaria in the necropolis of the Roman city, where some old Christian graves were found in the 19th century. The building dates back to 1324-1325 and was built by the Crown of Aragon, which obtained the “Regnum Sardiniae et Corsicae” from pope Boniface VIII, and therefore they settled there in order to conquer the district of Castello and replace the Pisan hegemony. In 1326, the Tuscan district surrendered and this marked the end of Bonaria citadel, but its sanctuary, originally dedicated to the Holy Trinity and to the Virgin, continued to be served.
The sanctuary is one of the first buildings which can be seen from the sea. The Virgin of Bonaria, as a matter of fact, is venerated as the protector of sailors, because, according to tradition, Her wooden statue arrived in the coasts of Cagliari completely intact inside a wooden box in 1370. The date of the sculpture is unknown, but it probably dates back to the second half of 15th century (in conflict with the date mentioned in the legend) and it represents a valuable Iberian-Campania work of art.
The Catalan-Gothic sanctuary, defined by Renata Serra as the oldest Catalan-gothic architecture in Sardinia, was designed based on the model of St. Agatha chapel, situated inside the Major Royal Palace of Barcelona (1302-11). It is composed of a single nave with a semidecagonal umbrella-shaped cross vault. Next to it, there is the polygonal bell tower, strengthened by some buttresses, whose unusual location is probably due to its original purpose as watchtower, standing within the defence walls of the Aragonese small town. The external perimeter is scattered with majestic buttresses, among which several side chapels were built in the 16th century. The ones on the right side were demolished in the 18th century, of which only the arch to enter the Basilica remains. The ceiling, originally wooden, was replaced in the 19th century by a barrel vault supported by intradoses. The restorations of the 19th century completely changed the original appearance of the sanctuary. It was extended to be lined up with the basilica, which was built between 1704 and 1926. The façade was rebuilt with limestone blocks and includes the jambs and the arch of the moulded portal of the lost church of San Francesco in Stampace of the 13th century.
 

[ Torna all'inizio della pagina ]