[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Parcu de Monti Craru – Casteddu

Parcu de Monti Craru – Casteddu

Parcu Monti Craru Casteddu Postu in mesu de sa tzitadi e ispartu po agiumai 25 ètarus, su parcu pùbricu chistit struturas lùdicas, unu sprigu de àcua e fera de su logu, si cualificat cument’e logu de arrecreu po totu sa comunidadi. Si ddoi cuncordant, fintzas, medas manifestadas curturalis, mascamenti in s’istadiali.
Su parcu pigat su nòmini de su latinu mons clarus, chi ddi benit de sa cumpositzioni geològica, in carcari biancu, de su monti anch’est postu. In su cùcuru est posta Villa Crara, aìnturu de sa muralla chi ingiriat totu su tretu de su spidali psichiàtricu provintziali. Connota, fintzas cument’e Villa Ghiani, custa fuat stètia de propriedadi de su diretori generali de su spidali cuncordau in su 1905 e chi su Stadu nd’iat decretau sa tancada in su 1978, ma chi at a èssiri serrau deunutotu sceti in su 1998. Mudada sa destinatzioni, oi sa villa ospitat s’arrica Bibrioteca Provintziali Emìliu Lussu.
S’intrada printzipali a su parcu, aberta in bia Cadello, frunia de una cantzellada monumentali de ghisa, posta a fàiri a contu de su diretori de su spidali psichiàtricu. De s’intrada si lompit a un’arburada de matas de ìlixi, antitzipada, in ambaduas partis, de is pedras sonoras de s’artista Pinùciu Sciola. S’arburada passat a manu dereta serrenti a unu laghixeddu artifitziali, abbitau de anàdis e giuntu cun d-unu sistema de pontixeddus de linna. A s’arburada s’incarat una funtana chi portat su logo-sinnu de su parcu: su disènniu, difatis, afigurat sa decoratzioni, fata de surcus e de costallas parallelas, de una dìscua cuberada in d-una gruta in su 1905, candu iant incarrerau is sgavus archeològicus in su monti. De s'anàlisi de medas trastus de su corredu de mortu cuberaus in cussu tretu, chi si scerant po caraterìsticas tipològicas e morfològicas particularis, iant dedùsiu cali fuat stètiu s'abbitu de su monti giai de s'edadi de s'arràmini, o Eneolìticu, chi currespundit a s'arcu cronològicu 2700-2200 a. C., candu ddoi fuat nàscia sa “curtura de Monti Craru”.
Funt testus, zirus e àterus trastus de terralla, oindì espostus in su Museu Archeològicu Natzionali de Casteddu. Su parcu dd'ant fatu in su 1998 cun su progetu de s'inginnieri Michele Pintus e de is architetus Felicia Bottino, Giuseppe Boschi, Luciano Lullini, Paolo Sgaravatti.

Parco di Monte Claro - Cagliari

Ubicato al centro della città ed esteso per circa 25 ettari, il parco pubblico ospita strutture ludiche, uno specchio d’acqua e fauna locale, qualificandosi quale luogo di svago per l’intera cittadinanza. Vi si organizzano, inoltre, numerose manifestazioni culturali, prevalentemente durante la bella stagione. Il parco deriva il nome dal latino mons clarus, verosimilmente dovuto alla composizione geologica, in calcare bianco, del colle ove è situato. Sulla sommità è ubicata Villa Clara, compresa entro le mura di cinta dell'area dell’ospedale psichiatrico provinciale. Nota anche come Villa Ghiani, questa appartenne al direttore generale  dell’ospedale che fu allestito nel 1905 e del quale lo Stato decretò nel 1978 la chiusura, divenuta effettiva soltanto nel 1998. Mutata la destinazione, oggi la villa ospita la ricca Biblioteca Provinciale Emilio Lussu.
L'ingresso principale al parco, aperto in via Cadello, è impreziosito dalla monumentale cancellata in ghisa, commissionata dal direttore dell’ospedale psichiatrico. Dall’ingresso si accede ad un viale di lecci, preceduto, su entrambi i lati, dalle pietre sonore dell'artista Pinuccio Sciola. Il viale costeggia sul lato destro un piccolo lago artificiale, abitato da numerose anatre e collegato da un sistema di ponticelli in legno. Sul rettilineo prospetta la fontana recante il logo-simbolo del parco: il disegno, infatti, riproduce la decorazione, costituita da solcature e da costolature parallele, di una scodella rinvenuta in un ipogeo funerario individuato nel 1905, quando furono avviate le campagne di scavo archeologico nel colle. Dall'analisi dei numerosi oggetti di corredo funebre reperiti nell’area, caratterizzati da una specifica connotazione tipologica e morfologica, si evinse la frequentazione del colle fin dall'età del rame, o Eneolitico, corrispondente all’arco cronologico 2700-2200 a.C., quando vi ebbe origine la ""cultura di Monte Claro"". Si tratta di situle, orci ed altri reperti ceramici, attualmente esposti al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari. Il parco è stato realizzato nel 1998 su progetto dell’ingegnere Michele Pintus e degli architetti Felicia Bottino, Giuseppe Boschi, Luciano Lullini, Paolo Sgaravatti.

Monte Claro Park - Cagliari

It is located in the city centre and it covers a surface of about 25 acres. This park hosts playgrounds, a small lake and local fauna specimens, and it is a recreation area suitable for everybody. Moreover, it hosts many cultural events, mainly in summer. Its name comes from Latin "mons clarus", probably due to its geological composition, as it is located on a white limestone hill. At the top of this hill there is Villa Clara, which lies within the perimeter walls of the psychiatric hospital. It is also known as Villa Ghiani and it belonged to the Director General of the hospital which was opened in 1905 and closed by law in 1978, but it actually continued to be used up to 1998. Today this villa hosts the Emilio Lussu public library.
The main entrance to the park, in via Cadello, is embellished with the monumental cast iron railing, commissioned by the director of the psychiatric hospital. The entrance leads to a path surrounded by holm oaks, whose access is decorated on both sides by Pinuccio Sciola's famous sound stones. On the right side of this path, there is a small artificial lake, populated by ducks and decorated with some wooden bridges. The path overlooks the fountain with the logo-symbol of the park. It reproduces the parallel ribs and grooves decorating a bowl found in a  funerary hypogeum discovered in 1905, when the archaeological excavations on the hill began.  From the analysis of the many funeral objects found in the area, characterized by a specific typological and morphological connotation, it was understood that the hill was inhabited since the Copper Age or Eneolithic, corresponding to 2700-2200 BC, when the “culture of Monte Claro” began. Among them there are situlae, jars and other pottery items, currently exhibited at the National Archaeological Museum in Cagliari. The park was built in 1998 based on a project by engineer Michele Pintus and architects Felice Bottino, Giuseppe Boschi, Luciano Lullini, Paolo Sgaravatti. 

[ Torna all'inizio della pagina ]