[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Nora – Pula

Nora – Pula

Nora Pula Nora una stòria antiga meda in is costas sardas

Sa stòria de Nora est una stòria antiga meda. Su nòmini parit chi ndi bengat de Nur, unu fueddu sardu chi est su pròpiu de nuraxi e de paricis nòminis de logu sardus. Difatis innoi ant agatau pedra nuraxesa mancai torrada a manigiai po ndi pesai àteras fraigadas.
Faci a su de VIII sèculus a.C. ndi fiant arribaus is Fenìcius chi ant lassau arrastus meda, e finsas sa 'Stele di Nora' famada, chi est su documentu scritu prus antigu de su Mediterràniu. Faci a su de VI, ndi fiant aproillaus is Pùnicus puru, de Cartàgine (Tunisia) chi ant cumentzau a ndi pesai sa tzitadi. Imoi sa tzitadi est giai unu logu de importu po su cumèrciu in su Mediterràniu ma candu ndi lompint is romanus puru (227 a.C.) sa cosa sighit a cresci sendi èssiri provìntzia romana. In su I sèculu apustis de Cristu Nora benit a essi Municipium e cun sa dinastia de is Severi, in su de III sèculus, sa tzitadi si fait prus e prus manna. Is fràigus printzipalis chi s'ant lassau is romanus funt su foru, su teatru, is termas, is tèmpius, s'acuedotu e is domus.
Est in su de V sèculus apustis de Cristu chi sa cosa cumentzat a cambiai, candu printzìpiat s'ocupatzioni de is Vàndalus. In su de VIII sèculus sighint is invasionis ma de is morus custa borta e insandus sa genti lassant sa tzitadi e si-ndi andant a parti de aìnturu, aundi at a nasci sa  bidda de Pula.

Is logus
Tèmpiu de Tanit

Custu tèmpiu est impitzus de unu montixeddu anca fait a biri totu sa tzitadi. Su nòmini ndi benit de una pedra a forma de piràmidi chi ant agatau (1901/2) e chi ant pensau chi fessit sa Dea Tanit, sa dea de sa vida de is Pùnicus.

Su pòrciu
Est a forma de ferru de cuaddu e portat su pamentu a mosàicu (II o su de III sèc. Apustis de Cristu). In mesu ddoi est su putzu po nd'arregolli s'àcua.

Is domus
Is domus funt in bàsciu de su tèmpiu de Tanit e po su prus funt domus pùnicas torradas a arrangiai de is romanus. Custas fiant a prus pianus ma piticheddus e portànt su putzu, mancai in sa tzitadi ddoi fessit una funtana, su serbatoju de su castellum aquae e s'acuedotu.

S'ingruxeri
In custa pratza s'ingruxànt is arrugas printzipalis de sa tzitadi romana. Una passàt ananti de su mercau e nci torràt a su portu e s'àtera est sa 'bia sagrada' sa chi andàt conca a su tèmpiu de Esculàpiu. Is tellas de is arrugas fiant de pedra de lava e fiant a schina de burricu po chi s'àcua nci andessit a is coras e de is coras a sa bassa.

Logu a prus funtzionis
Postu acanta de su portu est unu logu chi at tentu paricis funtzionis (su de III sèc. apustis de Cristu). Po bendi, po allogai cosa, po ddoi bivi. Ddoi fiat una corti aberta, butegas in is pranus bàsciu e domus puru, impitzus.

Is termas de mari
Ndi-ddas ant pesadas in su tempus de is Severus (su de III sèc. Apustis de Cristu), agoa is Vàndalus ddas iant cambiadas in fortificatzionis militaris finsas a candu unu fogu no ddas iat acabadas de sderrui intra su de VII e su de VIII sèculus. Ddoi funt duus logus printzipalis, su primu est su Calidarium anca ddoi fiat s'àiri callenti gràtzias a duus forrus. A su costau ddoi fiant finsas su Tiepidarium e sa sàuna (Laconicum). E s'àteru est su Frigidarium aundi ddoi fiant duas brazas cun tres nìcius impitzus de anca ndi calàt s'àcua. Portànt stampus  de scàrrigu puru po chi s'àcua nci acabessit a su putzetu. De su pòrciu faiat a arribai a su còmudu pùbricu anca ddoi fiat s'àcua de is termas etotu.

Sa domu de su passadissu
Custa est una domu a corti de su de III sèculus apustis de Cristu. Ddoi funt colunnas originalis, s'implovium, po arregolli s'àcua e paricis aposentus imbellius cun mosàicus stravanaus fatus de genti de su logu etotu ma de gustu africanu amesturau cun su sardu. In su cubiculum, s'aposentu de corcai ddoi est unu mosàicu de una ninfa mesu spollinca a gropas de un'animali marinu.

Su tèmpiu de Esculàpiu
Postu in sa Punta 'e su Coloru ddoi est su tèmpiu de Eshmun/Esculàpiu chi forsis fiat pùnicu ma chi ant manigiau is romanus puru. Custu fiat unu tèmpiu anca su deus sanàt is malàdius cun is bisus e difatis ddoi ant agatau duas statueddas de su segundu sèculus a. C. de duus piciocus dormendi, unu afracau de unu serpenti chi fut su sìmbulu de su sanai. Ddoi est finas unu mosàicu de su de IV sèculus apustis de Cristu.

Termas tzentralis
In custas termas ddoi est unu frigidarium mannu a pamentu a mosàicu, bellu meda e chi parit is undas de su mari. Ddoi est s'aposentu anca si spollànt, apodyterium, su tiepidarium e su calidarium chi fiant callentaus de duus forrus.

Teatru
Ndi-ddu ant stantargiau in su primu sèculu apustis de Cristu e dd'ant imperau po cuàturu sèculus. Ddoi capiant giai 1000 personis. A parti de palas ddoi fiant is scalas po nci artziai apitzus   e a parti de foras fiat totu a brocus de màrmuri. Sa Cavea fiant is gradinadas tzentralis e s'orchestra est imbellia a mosàicus. Su palcu fut de linna e duncas s'originali no ddoi est prus. Ddoi fiat finas unu pòrciu chi nci torràt a is aposentus aundi si cuncordànt is atoris.

Su foru
Custu fut sa pratza tzentrali anca ddoi fiat totu sa vida de sa bidda, religiosa, cumerciali, polìtica e aministrativa. Ndi-ddu ant stantargiau in s'edadi tardu repubricana, a pranta retangulari, totu a tellas e a pòrciu agiru-agiru. Ddoi fiant finas unu tèmpiu e calincuna stàtua, e duus portalis monumentalis a parti è àtera. Dd'iant amanniau in su tempus de is Severus e is sgavus ant amostau ca ndi-ddu ant pesau apitzus de unu logu prus antigus, fenìciu forsis.

 Nora: una storia antica nelle coste sarde
La città di Nora sorge sul promontorio del Capo di Pula, circondata dal mare è unita alla terraferma attraverso un istmo.
Posta al centro del Mediterraneo, fu luogo di passaggio di tanti popoli e culture che hanno arricchito il suo territorio, rendendola un centro unico e importante per tutta l’isola.
Il nome della città si ricollega alla radice paleo storica NUR, la stessa che leggiamo in tanti nomi di luoghi sardi e nella parola “nuraghe”.
Sul promontorio sono stati infatti ritrovati i blocchi di pietra tipici del megalitismo nuragico, riutilizzati in strutture successive.

La sua vera storia inizia nel’VIII secolo a.C., quando un popolo di marinai e commercianti, i Fenici, decidono di approdare e di fare di Nora uno dei loro primi stanziamenti sull’isola.
Tale datazione è confermata dal rinvenimento sul promontorio e su tutto il territorio  circostante di reperti archeologici, tra cui anche la famosa “Stele di Nora”, il più antico documento scritto del mediterraneo.
Intorno al VI secolo a.C., fanno la loro comparsa nelle coste  norènsi   i Punici, ossia gli abitanti della vicina Cartagine, situata nell’odierna Tunisia, a distanza di soli 180 km. E’ in questo momento che Nora inizia a prendere forma di una vera e propria città; sulle colline inizieranno a sorgere gli edifici sacri, ai piedi delle alture i quartieri abitativi e commerciali e le numerose cisterne per l’approvvigionamento idrico.
Nora è ormai diventata un importante punto di riferimento per le tratte commerciali del Mediterraneo.
Tuttavia è con i romani che raggiungerà il massimo della sua espansione. Nel 227 a.C. la Sardegna è provincia romana e nella città si attraversa un momento di passaggio e di grandi cambiamenti.
Alcune strutture puniche verranno interrate per far posto alla nuova città, costruita cercando di rispettare i canoni di tutte le città romane, altre verranno restaurate e riutilizzate. La cultura punica rimarrà comunque molto forte e quella romana dovrà spesso fondersi e mescolarsi ad essa.
Nora verrà innalzata a rango di municipium  nel I secolo d.C. e sarà attraversata da una fase di fervore edilizio e monumentalizzazione durante  l’età severiana ovvero sotto la dinastia dei Severi (nel III secolo d.C).
Le strutture principali che caratterizzano la città romana sono quelle ancora oggi visibili, come il foro, il teatro, quattro complessi termali, i templi, le abitazioni signorili, le insulae, i quartieri commerciali, l’acquedotto e infine l’anfiteatro, oggi non più visibile.
Il declino della città inizia a scorgersi intorno al V secolo d.C., quando le coste diventano pericolose, e Nora, come tutta la Sardegna, è interessata dall’occupazione dei Vandali (455-535 d.C). In questo periodo il centro di vita della città si sposta verso ovest, nella zona interna ritenuta un po’ più sicura.
Ma la decadenza è ormai avviata e culminerà nell’abbandono definitivo del centro abitato nell’VIII secolo d.C., a causa dei violenti attacchi dei Saraceni chi incendieranno la città costringendo gli abitanti a rifugiarsi nell’entro terra, dove prenderà vita il paese di Pula.

2  - Alto luogo di Tanit
Su questa collina, da cui si può ammirare tutta la città antica, sorgeva un’importante struttura sacra, il cosiddetto “Tempio di Tanit”. Tale denominazione deriva dal ritrovamento nel corso dei primi scavi archeologici (tra 1901 e il 1902) di una pietra piramidale interpretata come rappresentazione di Tanit, dea della vita e della fecondità nel mondo punico.
Il santuario fu probabilmente il dado centrale attorno a cui si sviluppò il primo nucleo abitato della città punica, tuttavia lo troviamo ancora attivo tra la fine della Repubblica e le prime fasi dell’Impero.

3 - Il deambulatorio Peristilio a forma di ferro di cavallo caratterizzato da un bellissimo pavimento mosaicato datato al II-III secolo d.C.  Nel pavimento del corridoio sono ben visibili le basi dei pilastri, da ciò si può dedurre si trattasse di un passaggio porticato che circondava un’area scoperta. Al centro si apriva l’impluvium, una sorta di pozzo per la raccolta dell’acqua piovana. La funzione dell’edificio è incerta, l’ipotesi più recente è che si sia trattato di un vestibolo: luogo di ingresso, attesa e passaggio ad altri ambienti ancora in corso di studio.

4 - Quartiere di abitazioni
Lungo le pendici meridionali del colle di Tanit si estende un’area abitativa di epoca romana costruita su un quartiere punico preesistente. Questa zona infatti conserva una straordinaria continuità insediativa, le case puniche vennero ristrutturate e riutilizzate in epoca romana, continuando a vivere fino alle ultime fasi di vita della città.
La perdita di documentazione avvenuta durante i primi scavi archeologici ha fatto sì che sia difficile oggi ricostruire l’aspetto delle abitazioni. Queste appaiono generalmente disposte su terrazzamenti del pendio collinare, articolate su più piani e caratterizzate da un numero variabile ma ridotto di vani. Le case sono spesso provviste di pozzi o cisterne, ma l’approvvigionamento idrico del quartiere era garantito dalla presenza di una fontana a pianta rettangolare, i cui resti sono ancora oggi ben visibili sul lato sinistro. Alle spalle della fontana si ergeva il castellum aquae, serbatoio nel quale confluivano le acque provenienti direttamente dall’acquedotto e da qui distribuite in tutta la città.

5 - Crocevia
In questa piazza si incrociavano le vie principali della città romana: una strada che collegava il quartiere orientale con quello occidentale, passando davanti al mercato fino ad arrivare al porto principale; e la cosiddetta”via Sacra”, che in direzione nord-sud conduceva al tempio di Esculapio.
I percorsi non sono perfettamente ortogonali poiché si adattano ai cammini della città punica preesistente.
Per il lastricato di epoca romana è stata utilizzata una pietra lavica locale. Le strade hanno la classica forma a “schiena d’asino”, andamento che permetteva ai liquidi o all’acqua piovana di scivolare verso i bordi. Lungo i margini della strada che andava verso il porto si possono osservare i fori semicircolari di scolo che convogliavano l’acqua direttamente nella cloaca ovvero le fognature. Le stesse erano costruite in mattoni in laterizio e correvano sotto le strade principali fino al sfociare in mare.

6 - Edificio Polifunzionale
Quartiere adiacente al porto  occidentale con funzione commerciale databile al III sec. d.C.
L’isolato è caratterizzato da varie strutture, tra cui magazzini per lo stoccaggio delle merci ed una grande corte scoperta circondata da numerosi ambienti, il cui aspetto doveva presentarsi come botteghe con retrobottega, alcune delle quali si affacciavano direttamente sulla strada romana. Si trattava di strutture  a due piani, i piani bassi adibiti ad uso commerciale e artigianale, i vani alti ad uso abitativo.

7 - Terme a Mare
Le cosiddette “terme a mare” sono il più grande complesso termale della città, vennero costruite in epoca severiana (III secolo dopo Cristo), momento di crescita e riorganizzazione della città. Rimasero in vita fino all’arrivo dei Vandali, quando vennero modificate e destinate ad uso difensivo.
Il crollo finale avvenne in seguito ad un incendio databile tra il VII e l’VIII secolo dopo Cristo.

Le terme sono costituite da diversi ambienti:

IL CALIDARIUM: stanza absidata con vasca rettangolare posta su lato orientale. All’interno della stanza è interessante osservare i resti del sistema di riscaldamento: si conserva il pavimento inferiore con mattoni crudi, le suspensurae  (pilastri costruiti in mattoncini) che sorreggevano il secondo pavimento, ossia il vero e proprio piano di calpestio.
Lo spazio tra i due pavimenti era quello dove l’aria circolava e veniva riscaldata da due forni contrapposti. Lungo le pareti si percepisce ancora l’intercapedine attraverso cui circolava l’aria calda che affluiva dai forni e che in tal modo avvolgeva l’intera stanza. Il calidarium è affiancato da altri due ambienti riscaldati, presumibilmente un tiepidarium (ambiente con acqua tiepida) e un laconicum (la sauna).

Altro ambiente è  IL FRIGIDARIUM; esso è dotato di una grande sala centrale che presenta due vasche simmetriche che dovevano contenere l’acqua a temperatura ambiente. Le vasche erano accessibili tramite gradini e sormontate da tre nicchie semicircolari da cui sgorgava l’acqua. Sono inoltre dotate di fori di scarico che defluiscono in una fogna passante sotto il frigidarium, ben visibile dal pozzetto di accesso.
L’intera stanza doveva essere rivestita di marmo, del quale rimangono poche tracce all’interno delle vasche.
Infine dal portico orientale si poteva accedere, tramite una soglia rialzata, alle latrine pubbliche, che sfruttavano il deflusso delle acque provenienti dalla vasche delle terme.

8 - Casa Dell’atrio Tetrastilo
Abitazione signorile “a corte” di ètà imperiale (III secolo dopo Cristo), costruita su strutture di epoche precedenti. Il nome con cui viene identificata la casa deriva dalla presenza di un atrio nel quale sono visibili in situ quattro basi di colonne e le colonne, queste ultime originali ma provenienti dal vicino viale porticato. Al centro dell’atrio troviamo l’impluvium, per la raccolta dell’acqua piovana, che da qui veniva guidata in un pozzo privato.
Attorno all’atrio si aprono numerose stanze, alcune decorate con magnifici mosaici policromi a figure geometriche, modelli di chiara derivazione africana ma di supposta produzione locale.
Al centro del cubiculum  (la camera da letto) è ben visibile un emblema realizzato con un raffinato mosaico quadrangolare non geometrico, che ritrae una figura femminile seminuda, probabilmente una ninfa che cavalca un animale marino.
Nel mosaico che circonda l’emblema si può notare l’ornamento “a cuoricino” inserito all’interno delle pelte, motivo decorativo di tradizione locale, firma di un artista o bottega del posto.
9 - Il Tempio di Esculapio
Sull’estremità rocciosa di Sa Punta ‘e su Coloru  si staglia un tempio di plausibile origine punica e riutilizzato in epoca romana. Si trattava probabilmente di un luogo sacro dedicato al culto di Eshmun / Esculapio, divinità salutifere oracolari. In questi santuari veniva praticato il rito dell’incubazione (i malati dormivano dentro il tempio e il dio li guariva attraverso i sogni), momento suggestivo in cui la religione si fondeva con la medicina. Ciò è testimoniato dal ritrovamento di statuette in terracotta (datate al II secolo a.C.), due delle quali raffigurano giovani dormienti, tra cui uno avvolto da un serpente, animale sacro ad Esculapio e simbolo della guarigione.

L’edifico ebbe continuità d’uso fino a oltre l’introduzione del Cristianesimo, forse riutilizzato come chiesa; l’ultima forse è stata datata al IV secolo d.C. grazie al mosaico della terrazza che si apre davanti al tempio.

10 - Terme Centrali
Complesso termale di difficile lettura a causa dello stato di conservazione e dei rimaneggiamenti successivi. Si può ammirare il grande frigidarium che vanta un bellissimo pavimento mosaicato, recentemente restaurato,  che riproduce con una decorazione a linee ondulate il movimento del mare. Al frigidarium apparteneva la vasca provvista di gradini per l’immersione nel bagno freddo. A destra  si trova una stanza interpretata come  spogliatoio (apodyterium) il quale presenta una notevole decorazione musiva: quadrati in bianco, nero e ocra, svastiche e motivi neri a clessidra.
A sinistra  del frigidarium si trovano gli ambienti riscaldati dai forni:  due tepidaria e un grande calidarium absidato, conservati al livello del piano di posa delle suspensurae, mentre il piano di calpestio antico è completamente mancante.
Si seguiva un percorso circolare: dal frigidarium si passava, per uno dei tepidaria, al calidarium per poi ritornare al percorso inverso.

11 - Quartiere Artigianale  Questo isolato è composto da ambienti di interpretazione assai complessa. E’ ipotizzabile che si tratti di un quartiere riutilizzato in epoca tarda, quando le terme centrali erano ormai in disuso.
L’isolato è caratterizzato dalla presenza di case con cortile, dove si può osservare la presenza di mortai, forni e pozzi che indicano una piccola attività produttiva, probabilmente solo a livello privato.
12 - Il Tearo Romano
L’unico teatro romano che si conserva in tutta la Sardegna è proprio questo presente a Nora, costruito nel I secolo d.C. fu utilizzato per ben 4 secoli.
I romani amavano andare a teatro nelle ore serali, durante il loro tempo libero, e questo edificio era pronto ad accogliere circa mille spettatori.
Nella parte posteriore del fabbricato possiamo ancora vedere le scale (vomitoria) per accedere alle gradinate superiori, otto nicchie originariamente sormontate da volte a botte, e un blocco di marmo, unico superstite di tutta una serie che doveva avvolgere completamente l’edificio.
Nella parte frontale è possibile ammirare gran parte delle gradinate (cavea) e gli ingressi laterali voltati di recente restauro, utilizzati per raggiungere la parte inferiore della cavea.
L’orchestra è abbellita da un mosaico dalla forma semicircolare ornato da cerchi gialli e da un pavimento di opus sectile  con lastre di marmo rosso, in gran parte restaurato.
Il palco vero e proprio era in legno e per questo non si è conservato fino a oggi, ma è ancora possibile scorgere i pilastri che lo sorreggevano. L’attuale passerella attraversa il cosiddetto porticus post scaenam, che consisteva in una grande scenografia porticata. Da qui era possibile accedere a due stanzette simmetriche che affiancano la scaena, luoghi in cui gli attori si preparavano per lo spettacolo.
Nell’iposcenio sono stati rinvenuti quattro grandi orci, due ancora in situ, databili a oltre il VI secolo d.C., pertanto si inquadrano in una fase di riutilizzo del teatro come magazzino per le derrate alimentari, quando ormai il centro della città iniziava a perdere di importanza.
13 - Il Foro
Fulcro di vita di tutte le città romane, era la piazza centrale in cui si svolgevano attività riguardanti la vita politica, amministrativa, religiosa e commerciale.
L’edificazione del foro di Nora risale ad età tardo-repubblicana. Presenta una pianta rettangolare, lastricata e circondata da portici sui lati lunghi, mentre sul lato breve settentrionale venne eretto un tempio. Al centro della piazza posava verosimilmente una statua onoraria, di cui si può ancora vedere la base.
Gli accessi erano costituiti da due porte monumentali poste rispettivamente una a nordovest e una nordest dello spiazzo. Il foro venne ampliato in età severiana, nella fase di fervore edilizio che coinvolse l’intera città.
Sotto il foro romano si celano i resti, recentemente messi in evidenza, di frequentazioni più antiche riferibili al VI secolo a.C.
Le tecniche di costruzione utilizzate sono quelle tipiche dell’edilizia fenicia e punica, più precisamente rimandando a un quartiere ad uso commerciale, tesi avvalorata dalla presenza di un silos per derrate e di un pozzo per l’acqua potabile.
Il ritrovamento di materiali (greci, etruschi, fenici) databili intorno al VIII-VI secolo a.C. fa pensare che la zona possa essere stata uno dei poli centrali dell’antico stanziamento fenicio.

Nora

1) The history of Nora

The city of Nora stands on the Capo di Pula promontory. It is surrounded by the sea and connected to the mainland by a narrow isthmus. Located in the middle of the Mediterranean, it was a crossing point for many peoples and cultures, that have enriched its territory, making it a unique and important center for the island.
The city's name is linked to the paleo-historical root NUR, the same one that we find in many Sardinian names and in the word “nuraghe”. On the promontory, archaeologists also found stone blocks that were typical of megalithic nuragic architecture, and were reused in later structures.
The true history of Nora begins in the 8th century B.C., when a people of sailors and traders, the Phoenicians, decided to land there and to make Nora one of their first settlements on the island. This date is confirmed by the discovery, on the promontory and on the surrounding territory, of various archaeological finds, including the famous "Stele of Nora", the oldest written document of the Mediterranean.
Around the 6th century B.C., the Carthaginians make their appearance in the Nora coasts. They were the inhabitants of nearby Carthage, located in modern Tunisia, whose coast is only 180 km far from Nora. In this period, Nora begins to take the shape of a real city; on the hills, sacred buildings begin to rise, at their feet, the residential and commercial districts and the many tanks for water supply were built: Nora becomes an important reference point for trade routes in the Mediterranean.
However, it is with the Romans that it reaches its maximum expansion. In 227 B.C., Sardinia is a Roman province and in the city is going through a period of transition and great change. Some Punic structures are buried to make way for the new city, that is built to respect the canons of all Roman cities, while other buildings are restored and reused. The Punic culture will remain strong in the city and the Roman one will often melt and mix with it. Nora is raised to the rank of municipium in the 1st century A.D. and it enters a phase of construction and monumental fervor during the Severan period (i.e. under the dynasty of the Severus, in the 3rd century A.D.). The main structures that characterize this Roman town are still visible: the forum, the theater, four bath complexes, temples, mansions, insulae, shopping districts, the aqueduct and, finally, the amphitheater (not visible anymore).
The decline of the city began around the 5th century A.D., when the coasts become dangerous, and Nora, just like the rest of the island, is affected by the Vandal invasion (455-535 A.D.). During this period, the center of city life moves westward and inland, in an area that is considered somewhat safer. But the decline is well underway and will culminate in the abandonment of the final settlement in the 8th century A.D., due to the violent attacks of the Saracens, who will burn the city, forcing the inhabitants to flee in the hinterland, where the town of Pula will soon rise.
2 - High Place of Tanit
On this hill, from which you can admire the ancient city, once stood an important sacred structure, the so-called "Temple of Tanit". This name comes from the discovery, during the first archaeological excavations (between 1901 and 1902), of a stone pyramid interpreted as a representation of Tanit, the goddess of life and fertility in the Punic world. The sanctuary was probably the central hub around which the first settlement of the Punic city developed. However, it was still active between the end of the Republic and the early stages of the Empire.
3 - The ambulatory
It is a peristyle-shaped horseshoe, characterized by a beautiful mosaic floor, dating from the 2nd or 3rd century A.D.. In the floor of the corridor, the foundations of the pillars are visible: from this, we can deduce that it was a passage porch surrounding an open area. At the center, there was the impluvium, a sort of well, meant to collect rainwater. The function of the structure is uncertain: the most recent hypothesis is that it had been a porch: a place where to access the building, wait or move to other areas, that are still being studied.
4 - Residential Area
Along the southern slopes of the hill of Tanit, there is an area of ​​Roman housing, built on a pre-existing Punic district. This area retains an extraordinary settlement continuity: the Punic houses were refurbished and reused in Roman times, continuing to live up to the last stages of life of the city. The loss of documents that took place during the first archaeological excavations has meant that it is difficult today to reconstruct the appearance of the houses. These appear to be generally arranged on the hillside terraces, built on several floors and characterized by a variable, but small, number of rooms. The houses were often equipped with wells or tanks, but the water supply of the area was secured by the presence of a fountain with a rectangular plan, whose remains are still visible on the left side. Behind the fountain, the castellum aquae stood, a tank in which flowed the water coming directly from the aqueduct and, from there, spread throughout the city.
5 - Crossroads
In this square, the main streets of the Roman city crossed: a road linking the Eastern and Western district, past the market, up to the main port; and the so-called Via Sacra, which, in the north-south direction, led to the temple of Aesculapius. The paths are not perfectly orthogonal, since they adapt to the old paths of the pre-existing Punic city. The paved Roman streets were built with local lava stone. The streets have the classic shape of a “donkey’s spine”, a shape that allowed liquids or rainwater to slide towards the edges. Along the edges of the road that lead to the port, you can see semi-circular holes, meant to drain carrying the water directly into the cloaca (sewer). This structure was built in brick tiles and ran under the streets, leading up to the sea.
6 - Multipurpose Building
It is a neighborhood adjacent to the western port, with commercial functions, dating from the 3rd century A.D.. This block is characterized by various facilities, including warehouses for storing goods, and a large open courtyard, surrounded by several circles, whose appearance was that of shops with back rooms, some of which looked out directly on the Roman road. It had two-story structures: the lower floors were used for commercial and artisan purposes, the upper ones for residential purposes.
7 - Thermal Baths by the sea
The so-called “thermal baths by the sea” are the largest bath complex in the city. It was built during the Severan period (3rd century A.D.), an age of growth and reorganization of the city. They remained functional until the arrival of the Vandals, when they were modified for a defensive use. The final collapse came after a fire, between the 7th and 8th centuries A.D..
The baths are made up of different spaces:
THE CALIDARIUM: a room with an apse and a rectangular tank, placed on the eastern side. Inside the room, it is interesting to see the remains of the heating system: the bottom floor, made with adobe bricks, still remains. It is called the suspensurae (pillars made of bricks). They supported the second floor, which is the actual floor. The space between the two floors was the one where the air circulated. It was heated by two facing ovens. Along the walls, you can still feel the gap through in which the hot air that flowed from the furnaces circulated, thereby enveloping the entire room. The steam bath is joined by two other heated environments, presumably a tiepidarium (environment with warm water) and a laconium (sauna).
Other space is THE FRIGIDARIUM; it is equipped with a large central hall which has two symmetrical tanks that were to contain water at room temperature. The tanks were accessed by steps and topped by three semicircular niches from which water flowed. They also come with drain holes that flow in a drain passing under the frigidarium, clearly visible from the cockpit access. The entire room was covered with marble, of which few traces remain in the tanks. Finally, the eastern portico leads to, via a raised threshold, the public latrines, who exploited the flow of water from the baths.
8 - House of the Tetrastyle
A stately home "court" of the imperial age (3rd century A.D.), built on earlier structures. The name by which the house is identified derives from the presence of a hall in which there are four column bases and columns (the latter are original, but come from the nearby porch on the avenue). At the center of the atrium, there is the impluvium, to collect rainwater, which flowed in a private well. Around the atrium there are numerous rooms, some with magnificent polychrome mosaics decorated with geometric figures. They are models of African derivation, but are supposedly a local production. At the center of cubiculum (the bedroom), there is a prominent emblem made with a refined quadrangular non-geometrical mosaic, which depicts a half-naked female figure, probably a nymph riding a marine animal. In the mosaic surrounding the emblem, the "little heart" ornament can be seen. It is placed inside of the pelte, a decorative motif belonging to the local tradition, a signature of an artist's workshop or place.
9 - The Temple of Aesculapius
On the rocky extremity of Sa Punta ‘e su Coloru, a temple of plausible Punic origin stands. It was reused in Roman times. It was probably a sacred place, dedicated to the worship of Eshmun/Aesculapius, deities of health and medicine. In these sanctuaries, the rite of incubation was practiced (the sick were to sleep inside the temple and the God would heal them through dreams), a suggestive instance, in which religion merged with medicine. This is testified by the discovery of terracotta figurines (dating from the 2nd century B.C.), two of which depict young sleepers, one wrapped by a snake, an animal sacred to Aesculapius and symbol of healing. The building was used until the introduction of Christianity, and, perhaps, reused as a church; the last one could date back to the 4th century A.D., thanks to the mosaic of the terrace that opens in front of the temple.
10 - Central Baths
The thermal complex is difficult to interpret due to the state of its preservation and subsequent rearrangements. You can admire the great frigidarium, which contains a beautiful, recently restored, mosaic floor that displays with decorative wavy lines the movement of the sea. The frigidarium contained a bathtub, equipped with steps for the immersion in the cold bath. To the right, there is a dressing room (apodyterium) which has a remarkable mosaic decoration: squares in white, black and ocher, swastikas and black hourglass patterns. To the left of the frigidarium, there are the spaces heated by ovens, two tepidaria and a great apsed calidarium, kept on its level by the suspensurae, while the old floor is completely missing. The bath was visited through a circular route: from the frigidarium, you will have to go in one of tepidaria, then the steam bath. You could go back by the inverse path.
11 - Artisanal Area
This block is made of the spaces whose interpretation is very complex. It is possible that this is a district that was reused in the late period, when the thermal power stations were no longer in use. The block is characterized by the presence of houses with a courtyard, where you can observe the presence of mortars, furnaces and wells that indicate a small artisanal activity, probably only for private use.
12 - The Roman Theater
The only Roman theater still intact in Sardinia is the one in Nora, built in the 1st century A.D.. It was used for four centuries. The Romans loved going to the theater in the evening, during their free time, and the building was able to receive about a thousand spectators. In the back of the building, we can still see the stairs (vomitoria) to access the upper tiers, eight niches originally topped by vaulted ceilings, and a block of marble, the only survivor of a series that completely wrapped the building. In the front, you can see a big section of the bleachers (cavea) and the vaulted, and recently restored, side entrances, used to get to the bottom of the auditorium. The orchestra is embellished with a mosaic with a semicircular shape, decorated with yellow circles and a floor of sectile opus, with slabs of red marble, that has been, in large part, restored. The stage itself was made of wood and, therefore, has been not preserved, but you can still see the pillars that supported it. The current footbridge crosses the so-called porticus post scaenam, which consisted of a large colonnaded scene. From here, it was possible to access two small symmetrical rooms at the sides of the scaena, the areas where the actors prepared for the show. In the iposcenium, four large jars have been found, two still in situ, dating to the 6th century A.D.: they belong to a phase in which the theater was re-used as a warehouse for food. In that period, the center of the city began to lose importance.
13 - The Forum
The central square was the fulcrum of life of all Roman cities. In it, activities of political, administrative, religious and commercial nature took place. The construction of the Forum of Nora dates back to the late Republican period. It is rectangular, paved, and surrounded by arcades along the sides, while on the northern part a temple was erected. In the center, probably rested a statue: you can still see its base. The accesses were made up of two monumental gates, placed respectively in the northwest and northeast of the plaza. The hole was enlarged in the Severan period, during the building fervor that involved the whole city. Under the Roman Forum lie the remains, recently discovered, of older presences, dating back to the 6th century B.C.. The construction techniques used are those of the typical Phoenician and Punic buildings, specifically the ones of a commercial block. This thesis is supported by the presence of a silos for food and a well for drinking water. The discovery of materials (of Greek, Etruscan, Phoenician origin) dating to the 8th-7th century B.C. suggests that the area may have been one of the central hubs of the ancient Phoenician settlement.

[ Torna all'inizio della pagina ]