[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Inquinamento Acustico

Inquinamento Acustico

Il rumore, in riferimento agli effetti sulla salute, può essere definito come un fenomeno di disturbo acustico per chi lo percepisce. L'esposizione ad una fonte di rumore può provocare nell'organismo danni fisici o psichici anche permanenti. I disturbi più insidiosi indirettamente causati dal rumore riguardano l'aumento del livello di stress dell'organismo, che, nel lungo periodo, comporta conseguenze significative. La propagazione del rumore è influenzata da fattori diversi: il tipo di fonte di emissione, la sua distanza dal recettore, la presenza di ostacoli, la direzione del vento e le condizioni climatiche.

Le competenze della Provincia in materia sono definite dalla Legge regionale n. 9 del 12 giugno 2006, negli art. 5 e 57 che la individuano come Ente le cui funzioni e compiti si esplicano su vaste zone intercomunali o l'intero territorio provinciale nei seguenti ambiti:
rilevamento, disciplina e controllo delle emissioni sonore avvalendosi delle strutture tecniche dell’ARPAS;
formulazione di apposito parere e della verifica sulla loro attuazione, relativamente ai progetti di classificazione acustica dei comuni;
valutazione e verifica sull'attuazione dei piani comunali di risanamento acustico con la formulazione di proposte operative alla Regione al fine della predisposizione e definizione da parte di quest'ultima del piano regionale triennale di intervento;
coordinamento delle iniziative assunte da due o più comuni volte al contenimento delle emissioni sonore o emanazione di specifiche ordinanze, a carattere temporaneo, per il contenimento e/o l'abbattimento delle emissioni sonore, estese a tutto il territorio provinciale o parte di esso comprendente più comuni, in caso di urgenti ed eccezionali necessità di tutela della salute pubblica e dell'ambiente;
poteri sostitutivi in caso di inerzia dei comuni ovvero di conflitto fra gli stessi.

Inoltre la Regione Sardegna con D.G.R n. 40/24 del 22/7/2008 ha individuato la Provincia di Cagliari quale soggetto competente a redigere e predisporre tutte le azioni previste dal D.Lgs. n.194 del 19/08/2005 che costituisce il disposto normativo di recepimento della Direttiva Europea 2002/49/CE del 25/06/2002 relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale.
Tali compiti consistono nella predisposizione per l’agglomerato di Cagliari dei seguenti studi:

MAPPATURA ACUSTICA.
PIANO DI AZIONE.
In particolare, in questi anni si è sviluppato il Progetto DISIA acronimo di DISInquinamento Acustico, costituito essenzialmente da una fonte di finanziamento di circa 2 milioni di €uro di ordine ministeriale, attribuito dalla Regione Sardegna alla Provincia, dal quale si è attinto, attraverso successive modulazioni economiche in accordo con la Regione, per sviluppare iniziative finalizzate a svolgere azioni mirate alla componente ambientale rumore, precisamente su:
Piani di classificazione acustici comunali
Monitoraggi acustici ambientali
D.Lgs n. 194 del 19/8/2005

[ Torna all'inizio della pagina ]