[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Guventu de Santu Franciscu – Quartu S.A.

Guventu de Santu Franciscu – Quartu S.A.

Guventu de Santu Franciscu Su guventu de is paras Capucinus de Santu Franciscu (1145-60)

Su guventu de is paras capucinus est impari a sa crèsia de su Mesu-evu de Sant’Àgata (1145-60). Ndi-ddu iat fatu pesai s’obispu Ambrogio Machin, in su 1631, candu iat donau a s’Òrdini su logu aingìriu de sa cresiedda po ddoi fai su guventu etotu e is ortus chi ddis serbiant. Insandus iant arrangiau unu pagheddu sa crèsia puru, sa faciada e sa bòvida e a parti de aìnturu. Su guventu dd’ant fatu gràtzias a is ofertas de is fidelis cunforma a is arrègulas tènnicas e de fidi de s’Òrdini.
Sa pratza est retangulari e portat unu putzu in mesu. Dd’ant intitulau a Santu Franciscu e est bènniu a essi unu logu nodiu po totu is quartesus. Po marcai sa propiedadi de is capucinus, ddoi ant postu una gruxi, chi oi est in pratza Azuni, fata cun materiali de arràngiu. Su stili est gòticu (sèculus XV-XVI) de màrmuri biancu e portat a una parti a Gesù Cristu postu in gruxi, chi est in mesu de is sìmbulus de is evangelistus. In bàsciu ddoi est unu soli a arrajus e a s’àtera parti Nostra Sennora cun su Pipiu e is àngiulus. Su capitellu est de màrmuri biancu cussu puru de su primu sèculu apustis de Cristu. In su 1886 su stadu italianu nd’iat pinnigau totu is benis de sa Crèsia e su guventu at cambiau sa funtzioni sua, benendi a èssiri logu de ofìtzius comunalis e finas sa scola elementari finsas a su 1925. In cussu annu etotu dd’iant donau a su munsennori Angioni, chi iat fundau sa ‘Opera Buon Pastore’ po ndi fai un’arricoveru de genti pòbura e sbendonada e unu spidaleddu piticheddu. Agoa ddoi ant fatu un’istitutu po antzianus. Oi, torrau a arrangiai de s’aministratzioni comunali, est ospitendi sa biblioteca de is lìnguas de minoria e sa scola tzìvica de mùsica.

Scedas pigadas de Quartu Sant’Elena, guida ai monumenti - Monumenti Aperti 2012 e furriadas in sardu de su Portalitu de sa Lìngua Sarda


Il convento dei frati Cappuccini di San Francesco (1145-60)

Il Convento Cappuccino è annesso alla chiesa medioevale di Sant’Agata (1145-60). La sua costruzione risale al 1631 per volontà del Vescovo Ambrogio Machin, che consegnò all’Ordine l’area circostante la chiesa perché vi edificasse il convento e coltivasse una porzione di terreno per le esigenze della comunità. In quell’occasione fu ristrutturata la chiesa con lavori alla facciata, al tetto e con opere di suddivisione dello spazio interno. Il complesso, costruito grazie alle offerte dei fedeli, rispecchia le regole tecniche e di apostolato dell’Ordine. Il chiostro, a pianta rettangolare con un pozzo al centro, presenta due ordini su tre lati, uno solo nel lato che si addossa alla chiesa. L’ordine inferiore ha archi a tutto sesto su pilastri quadrangolari e alto basamento continuo. Venne intitolato a San Francesco e costituì un punto di riferimento per tutti i quartesi. A delimitare la proprietà cappuccina venne eretta una croce giurisdizionale (ancora oggi nella piazza Azuni), utilizzando materiale di spoglio: la croce in stile tardo gotico (XV - XVI secolo) è in marmo bianco e presenta su un verso Cristo in Croce tra i simboli degli evangelisti. In basso un sole raggiato, nell’altro la Madonna col Bambino e angeli. È sostenuta da un capitello del I secolo d. C. anch’esso in marmo bianco. Nel 1866 con l’incameramento dei beni ecclesiastici da parte dello Stato, il convento cambiò funzione accogliendo uffici comunali e la scuola elementare fino al 1925. In questo stesso anno fu ceduto a mons. Angioni, fondatore dell’Opera del Buon Pastore, che ne fece “un ricovero di poveri abbandonati e piccolo ospedale”; in seguito divenne istituto per anziani. Oggi, completamente ristrutturato dall’Amministrazione Comunale, è adibito a sede della Biblioteca delle lingue minoritarie e della Scuola Civica di Musica.

 

The Capuchin monastery of St. Francis (1145-1160)
The Capuchin Monastery is part of the medieval church complex of Saint Agatha (1145-1160). Its construction dates back to 1631, when the Bishop Ambrogio Machin gave to the Order the area surrounding the church, so that it could build the convent and farm the land to feed the community. On that occasion, the church was renovated: the facade, the roof, and its internal space subdivision were the main foci of labor. The complex, built with the donations of the faithful, reflects the technical and religious requirements of the Order. The cloister, built as a square with a well in the center, has two lines on three sides, and one in the side that abuts the church. The lower order has arches on square pillars and a high continuous base. It was dedicated to Saint Francis and it became a reference point for all the denizens of Quartu. The borders of the Capuchin property were marked with a jurisdictional cross (still present in Piazza Azuni), using repurposed materials: the cross, in late Gothic style (15th- 16th century), is made with white marble and features, on its side, Christ on the Cross, between the symbols of the evangelists. Below, there is a blazing sun, while on the other side there’s a Madonna with Child and angels. It is supported by a capital of the 1st century, also made with white marble. In 1866, with the confiscation of church property by the State, the monastery changed its function, accepting municipal offices and an elementary school, until 1925. In the same year, it was offered to monsignor Angioni, founder of the Charity of the Good Shepherd, who made it “a shelter for the abandoned poor and a small hospital”; later, it became an institute for the elderly. Today, completely restored by the City Council, it is used as a library for minority languages and a Civic School of Music.

[ Torna all'inizio della pagina ]