[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Sa Domu de farra – Quartu S.A.

Sa Domu de farra – Quartu S.A.

Sa domu de farra Sa domu de farra: una domu campidanesa fata a museu

Custa est una domu-museu nàscia a s’acabu de is annus ’70 de su ‘900 po mori de su meri Giuanni Musiu, chi iat cuncordau aìnturu de sa domu campidanesa cosa sua su chi est bènniu a essi su primu museu etnogràficu sardu, aprontendi un’amosta de ainas popularis e de mobìlia de una domu quartesa de genti arrica. Aici sa domu de farra est bessia unu logu turìsticu po stràngius e po is scolas. In su 1989 si-dda at comporada sa Regioni e sa domu at sighiu a essi unu museu. Po sorti mala sua perou e po chistionis burocràticas, su logu est stètiu mesu sbendonau e nd’at tentu dannu. Sceti a s’acabu de su 2007 sa domu nci est passada de sa Regioni a su comunu de Quartu. Sa firma e s’intregu de is crais dd’ant fatu su 13 de martzu de su 2009. Agoa ant incumentzau is traballus po dda depi arrangiai e ponni in seguresa, chi ant acabau in su 2012.
Ddoi ant fatu arràngius finas mannus ma circhendi de arrespetai sa bisura antiga de sa domu. Po nai, ant cambiau 980 matonis, torrendi-ddus a fai de làdiri a manu, comenti fiant in s’antigu. S’idea fiat de ndi fai unu museu ma finas unu logu nodiu de sa bidda quartesa.
Po su chi est su museu, su progetu dd’at fatu su ‘Istituto Etnografico della Sardegna’ po fai de manera chi s’arregorta de ainas de su mundu de is messajus e de is pastoris potzat benni a essi un’amosta de sa vida de insandus, màssimu po is giòvunus, po chi depi torrai a scoberri unu mundu chi est arrischendi de sparessi.
Su de aberri Sa domu de farra est un’ocasioni manna po sa bidda de Quartu, po ndi fai unu logu nodiu de sa comunidadi, aundi is traditzionis de su connotu sighint a bivi e aundi si allogant orìginis, valoris e connoscèntzias antigas. Su fatu ca est acanta de su comunu puru, ndi fait unu logu sinnalau po eventus anca sa comunidadi si pinnigat apari e po ocasionis de importu mannu. Aici custa domu campidanesa, podit bessiri unu logu po totus, mannus e piticus, quartesus e stràngius, arrichendi sa vida culturali de sa bidda.

Scedas pigadas de Quartu Sant’Elena, guida ai monumenti - Monumenti Aperti 2012 e furriadas in sardu de su Portalitu de sa Lìngua Sarda


Sa domu de farra: una casa campidanese divenuta museo

Casa museo predisposta alla fine degli anni Settanta del ‘900 dal proprietario Gianni Musiu, che allestì all’interno della sua grande casa campidanese quello che può essere definito il primo esempio di museo etnografico sardo, con l’esposizione di oggetti di culturale
popolare e la ricostruzione dell’arredo della tipica casa padronale quartese. Inserita come meta nei percorsi turistici, Sa domu de farra divenne un punto di attrazione per visitatori e scolaresche. Nel 1989 fu acquistata dalla Regione che ne mantenne l’originaria destinazione. Tuttavia, per vicissitudini di carattere burocratico, la struttura fu di fatto abbandonata a se stessa, deteriorandosi in parte. Solo a fine 2007 si definì il passaggio del bene dalla Regione al Comune di Quartu. La firma dell’atto di cessione e la consegna delle chiavi avvenne il 13 marzo del 2009. Successivamente ebbero inizio i lavori di restauro
e di messa in sicurezza del sito, portati a termine all’inizio del 2012.
Sono stati compiuti importanti interventi, rispettando quanto più possibile l’antico aspetto della casa. Ad esempio, sono stati sostituiti 980 mattoni realizzando quelli nuovi a mano, con terra e paglia, esattamente come quelli originari. L’obiettivo è restituire alla struttura la sua funzione di museo e farne anche una sede di rappresentanza per
l’intera comunità quartese.
Per quanto riguarda la parte museale, la progettazione è stata affidata all’Istituto Etnografico della Sardegna. Da semplice raccolta di oggetti, la vasta collezione collegata all’antica tradizione agro-pastorale diventerà quindi un articolato percorso espositivo che permetterà, specialmente alle generazioni più giovani, di scoprire e conoscere un
mondo che rischia di andare perduto per sempre.
L’apertura alla collettività di Sa dom’e farra fa sì che questo prezioso sito diventi una sorta di .casa della comunità. che, rappresentando le sue origini agricole, ne valorizzi i saperi e le tradizioni. La vicinanza alla casa comunale la rende complementare ad essa e per questo motivo utilizzabile in occasione dei numerosi momenti in cui la comunità si
riunisce, chiamata da eventi o riti di particolare suggestione. L’antica domu a lolla tornerà a nuova vita, offrendo alla città e ai suoi giovani nuove opportunità di crescita culturale e economica.


Sa domu de Farra: a campidanese house turned into a museum
The historic house museum was set up in the late 70s of the 20th century by its owner, Gianni Musiu. He used his estensive Campidanese house to host what could be described as the first example of a Sardinian ethnographic museum, with an exhibition of cultural objects from the people’s everyday life and a reconstruction of the furnishings of a typical Quartese house. Added as a destination in many tourist tours, Sa domu de Farra became a point of attraction for visitors and schools. In 1989, it was bought by the Regional Government, which kept its original purpose. However, for the bureaucratic vicissitudes, the structure was in fact abandoned, and it partially decayed. At the end of 2007, the Regional Government ceded the structure to the city of Quartu. The signing of the sale and delivery of the keys took place on March 13, 2009. After that, the restoration works began, with the secondary objective of ensuring the safety of the site. They were completed in early 2012. Important interventions were made, while respecting as much as possible of the original appearance of the house. For example, 980 bricks have been replaced and the new ones were made by hand, with earth and straw, exactly as the original ones. The goal is to restore the structure to its function of museum and make it also a place that represents the whole community of Quartu. As for the part of the museum, the design was entrusted to the Sardinian Institute of Ethnography. Started as a simple collection of objects, the vast collection, based on the ancient agro-pastoral tradition, will become a complex exhibition that will allow, especially for the younger generation, to discover a world which risks being lost forever. The opening to the community of Sa dom'e farra makes this precious site a sort of community house which, representing its agricultural origins, enhances its knowledge and its traditions. The proximity to the town hall makes it complementary to it and, therefore, available during the many moments when the whole community comes together, called by events or rites of particular significance. The ancient domu will come back to life, giving the city and its young citizens new opportunities for economic and cultural growth.

[ Torna all'inizio della pagina ]