[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santu Pedru de Ponti – Quartu S.A.

Crèsia de Santu Pedru de Ponti – Quartu Sant'Aleni

Crèsia S.Perdu de Ponti Quartu Posta aìnturu de su campusantu comunali de su 1876, sa crèsia dedicada a s’apòstulu probiana a unu ponti romanu, a pagu tretu de sa bia antiga de Carales a Ferraria e dd’iant acansada a is paras Vitorinus de Marsìllia in su 1119. Abarrat in is possessus de s’òrdini benedetinu frantzesu fintzas a s’ùrtimu inventàriu, cumpilau in su 1338. In s’àula a una navata sceti s’arripitint arcus de fatura gòticu-cadelana.
Sa faciada romanica, fait parti de is trabballus fatus in su Duxentus  e fabricada in carcari e arenària oguali a is archixeddus asuba de is coronamentus de is costaus, acabbat cun d-unu campanili a vela, in lìnia cun custu ddoi est una bifora, intamis duas fileras orizontalis de pedras chistint incàscius po dìscuas maiolicadas, chi si funt pèrdias. Una sia de archixeddus pratzit in orizontali su sprigu, marcau de duas lesenas chi, de sa basi, arribbant fintzas a mitadi de sa faciada, inguarnissendi su portali, arricau cun d-una guarnissa modanada, e pratzendi sa parti bàscia de su sprigu in tres setzionis. Sa faciada a sud amostat archixeddus decoraus cun d-una conca de trau o cun d-una gruxi, poderada de una manixedda.

Chiesa di San Pietro di Ponte - Quartu S. Elena

Ubicata nel moderno cimitero cittadino dal 1876, la chiesa dedicata all’Apostolo sorge presso un ponte romano, in prossimità dell'antica strada da Carales a Ferraria e fu donata ai monaci Vittorini di Marsiglia nel 1119. Permane tra i possessi dell'ordine benedettino francese fino all'ultimo inventario, redatto nel 1338. L’aula mononavata è ritmata da archi di fattura gotico-catalana. La facciata romanica, risalente ad una ricostruzione duecentesca e realizzata in calcare e arenaria, analogamente agli archetti sui terminali dei fianchi, culmina con un campanile a vela, nel cui asse è una bifora, mentre due file orizzontali di conci ospitano alloggi per bacini ceramici, andati perduti. Una teoria di archetti divide orizzontalmente lo specchio, scandito da due lesene a soffietto che, dalla base, arrivano fino a metà della facciata, inquadrando il portale, impreziosito da una cornice modanata, e spartendo la parte bassa dello specchio in tre settori. Il fianco sud mostra alcuni archetti decorati da una protome taurina o da una croce, sorretta da una piccola mano.

Church of Saint Peter of Ponte - Quartu Sant'Elena

Located in the modern town cemetery since 1876, this church dedicated to St. Peter is built on a Roman bridge, near the ancient road from Carales to Ferraria and was donated to St. Victor from Marseilles’ monks in 1119. It was recorded among the possessions of the French Benedictine order up to the last inventory in 1338.  It is composed of a single nave surmounted by Gothic-Catalan archs.
The Romanesque façade, dating back to the 13th century and made of limestone and sandstone, culminates with a bell gable, as the finial side small arches, with a double lancet window, while two horizontal lines of ashlars are equipped with the spaces for ceramic basins, now lost. A series of small arches divides the mirror horizontally, marked by two pilaster strips, which from its base arise to half of the façade, framing the portal, embellished with a moulded frame, and dividing the lower part of the mirror in three parts. The southern side has several small arches decorated with a bull protome or a cross, held by a small hand.

[ Torna all'inizio della pagina ]