[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santu Basili – Mara

Crèsia de Santu Basili – Mara

Crèsia S.Basili Mara Posta in su sartu de Sìnnia il localidadi Burranca mancai siat de propriedadi de su comunali de Maracalagonis, sa crèsia de su mesu-evu in orìgini dda billàt un'eremitu, chi dd'amparàt de is profanatzionis e andàt in circa de dinari po dda mantènniri beni. Est dedicada a Basili, Dotori de sa crèsia nàsciu in Cappodocia in Cesarea, oi in Turchia, e bìviu intr'e su 330 e su 379 p. C., chi iat pigau su tìtulu de “Mannu” e fuat tentu in grandu onori de is aregus-ortodossus, paris a Gregori Nazianzeno, chi fuat su maistu suu candu fuat in Atene po sa formatzioni, innantis studiat in Costantinòpoli.
Furriau a Cesarea, Basili si ponit contras a su paganèsimu e ndi pesat unus cantu muristenis. Fatu pìscamu in su 370, prus bortas depit parai faci a is ameletzus imperialis e s'incurat de fàiri òperas de bonu coru. Arrèndiu po is penetèntzias sunfrias si morit, prim'e s'ora, in su 379. Su cultu de Santu Basili ddu spainant in s'Ísula is paras bizantinus, innui ndi pesant crèsias e muristenis aìnturu de is sèculus VI e X p. C.
Sa strutura de imoi dd'iant fabricada in su Seixentus. Sa crèsia a una navada sceti tenit una lolla, a is duas alas de custa currint mureddas bàscias po si ddoi setzi e, in mesu, s'aberit sa genna po intrai a sa crèsia. A sa pratza de ananti s'incarant is cumbessias, tres aposenteddus a parti de sa crèsia, innui aturat su Predi e is nobenantis. Probianu a is cumbèssias est postu s'aposentu chi chistit su còciu de su Santu candu dd'afestant. Sa festa si cuncordat s'ùrtimu domìnigu de austu a ddoi aprobiant medas fidelis, cun d-una prutzessioni sighia de tracas e grupus in costumu, po acumpangiai is stàtuas de Santu Basili e Santu Gregori de sa bidda a sa crèsia.

Chiesa di San Basilio -  Maracalagonis

Ubicata in agro di Sinnai in località Burranca e pertanto appartenente al territorio di Maracalagonis, la chiesa campestre medioevale era originariamente presidiata da un eremita, il quale ne impediva la profanazione ed effettuava la questua per la manutenzione. È dedicata a Basilio, Dottore della Chiesa nato in Cappadocia a Cesarea, oggi in Turchia, e vissuto tra il 330 e il 379 d.C., il quale assunse l’appellativo di “Magno” e fu particolarmente venerato dai greco-ortodossi, unitamente a Gregorio Nazianzeno, suo maestro durante la formazione ad Atene, preceduta da un periodo di studio a Costantinopoli. Rientrato a Cesarea, Basilio contrastò il paganesimo e fondò alcuni monasteri. Divenuto vescovo nel 370, resisté più volte alle minacce imperiali e si prodigò in iniziative benefiche. Stremato dalle penitenze si spense, prematuramente, nel 379. Il culto di Basilio si diffuse nell’Isola mediante i monaci bizantini, i quali vi edificarono chiese e monasteri tra i secoli VI e X sec. d.C. L’attuale costruzione risale al Seicento. La chiesa è mononavata e provvista di un piccolo loggiato, ai lati del quale sono bassi muri che fungono da sedili e, al centro, la porta di accesso alla chiesa. Sul piazzale affacciano le cumbessias, tre piccoli vani separati dal corpo della chiesa, atti alla permanenza del Parroco e dei novenanti. Attiguo alle cumbessias è il vano che custodisce il cocchio del Santo in occasione della festa, che si celebra l'ultima domenica di agosto e che vede la nutrita partecipazione dei fedeli, con una processione seguita da traccas e gruppi in costume, che accompagna le statue di San Basilio e San Gregorio dal paese alla chiesetta campestre.

Saint Basil Church - Maracalagonis

Located in the countryside of Sinnai, in a location called Burranca, in the territory of Maracalagonis, this medieval rural church was originally manned by a hermit who prevented it to be profaned and collected offerings for its maintenance. It is dedicated to Basil, Doctor of the Church born in Cappadocia in Caesarea, now in Turkey, who lived between 330 and 379 AD. He was called the “Great” and was worshipped especially by the Greek-Orthodox, together with Gregory Nazianzen, his master during his education in Athens, after he studied in Constantinople. Back in Cesarea, Basil fought against paganism and founded several monasteries. He became bishop in 370, he resisted the many imperial threats and he did his best in charities. Exhausted by penances he died, prematurely, in 379. The cult of Basil spread all over the island thanks to the Byzantine monks, who built churches and monasteries between the 6th and the 10th centuries AD.
The present building dates back to the 17th century. The church is composed of one nave and a small arcade with low walls on its sides which are used as seats and, in the middle, there is the entrance to the church. The “cumbessias” - three small buildings separated by the church who host the priest and the participants in the novenari (the nine days before the festival) - overlook the square. Next to the “cumbessias”, there is the space where the coach of the Saint is guarded during the festival. This festival is held on the last Sunday of August, and many believers participate in the procession which accompanies the statues of St. Basil and St. Gregory from the village to the rural church, together with the typical “traccas” (carts) and folk groups wearing traditional costumes. 

[ Torna all'inizio della pagina ]