[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santu Austinu - Casteddu

Crèsia de Santu Austinu - Casteddu

Crèsia S.Austinu Casteddu Posta in su bixinau istòricu de sa Marina, sa crèsia gòticu-cadelana ndi dd'iant pesada a is primus de su de XV sèc. e sciusciada in su 1576, candu fuant fendi trabballus a sa muralla de sa tzitadedda incarreraus de Filippo II de Ispànnia, chi iat procurau illuegus de ndi pesai un’edifìtziu nou, donendi s’incàrrigu a is inginnieris chi fuant giai ocupendisì de is fortilesas, is fradis ticinesus Jacopo e Giorgio Palearo Fratino, su progetu e sa diretzioni de su fàbricu de su Santu Austinu nou. A Jàcopu, chi fuat in Casteddu in su 1576, iant intregau a fàiri su progetu. A Giorgio fuat tocada sa ghia de is trabballus, cumentzaus in su 1577 e acabbaus in su 1580, duus annus apustis chi si fuat dispediu de sa Sardìnnia, in su 1578, innantis chi essant acabbaus is trabballus. Sa dispedida sua de sa Sardìnnia iat a èssiri sa nexi de is incongruèntzias, siat in is valoris spatzialis siat in cussus decorativus, de s’elementu architetònicu in cunfrontu a su còdixi cràssicu chi ddu caraterizat. Sa crèsia noa, acabbada in su 1580, at a èssiri de importu mannu po s’umperu de s’estètica crassicìstica de su Rinascimentu italianu in Sardìnnia, amparada de sa polìtica artìstica de Filippo II.
Sa pranta est a gruxi arega cun d-unu bratzu pagu pagu prus longu de is àterus. Is cuàturu bratzus portant sa crobetura a cuba, intreverada de arcus traessus, e in s’ingruxada si ndi strantaxat sa cùpula mesu sfèrica, aunia a s’aposentu a forma de cubu de asuta cun pinnàcius cònicus. Serrenti su filu de s’imposta de sa bòvida, peri totu su muru, currit una guarnissa chi spundit, decorada a parti de bàsciu cun d-una sia de dentixeddus, tema chi s’atestat fintzas in sa circunferèntzia asuba de innui s’impostat sa cùpula. A sa parti de aìnturu de sa faciada est addossau su coru, poderau de un’arcu arrebasciau gòticu-cadelanu. Su repertòriu cràssicu cumparit in is elementus ornamentalis, in is consolas, in is nìcius, incastaus in edìcolas cun tìmpanu sustènniu de lesenas lisas, e, sumpepari, in sa bòvida de su presbitèriu, decorada a cadascionis cun orrosixeddas de formas differentis, su schema intzoru arregordat sa bòvida a cadascionis prospètica ideada de Bramante, faci a su 1482, in su coro de Santa Maria me in San Satiro in Milanu. Si scerant  unas cantu incongruèntzias a cunfrontu cun is formas rinascimentalis: su grajori de is elementus decorativus, s’arconi arrebasciau de su coru e sa cùpula mesu tunda, chi assimbillat a cussa de sa basìlica de Santu Sadurru de Casteddu, chin indullint a pentzai chi custus elementus ddus apant ideaus e fatus maistus de su logu etotu. 

Chiesa di Sant'Agostino - Cagliari

Ubicata nel quartiere storico di Marina, la chiesa fu impiantata in forme gotico-catalane agli inizi del XV secolo, ma andò distrutta nel 1576, durante i lavori di adeguamento della cinta muraria cittadina intrapresi da Filippo II di Spagna, il quale provvide tempestivamente ad erigere un nuovo edificio, affidando agli ingegneri che allora si occupavano delle fortificazioni, i fratelli ticinesi Jacopo e Giorgio Palearo Fratino, il progetto e la direzione dei lavori del S. Agostino Nuovo. A Jacopo, presente a Cagliari nel 1576, venne verosimilmente affidata la stesura del progetto. A Giorgio fu assegnata la direzione dei lavori, iniziati nel 1577 e conclusi nel 1580, due anni dopo la sua partenza dalla Sardegna, avvenuta nel 1578, ossia prima che i lavori giungessero a termine. Tale interruzione della permanenza in Sardegna sarebbe pertanto responsabile di alcune incongruenze, sia nei valori spaziali sia in quelli decorativi, del partito architettonico rispetto al codice classicistico che lo caratterizza. La nuova chiesa, ultimata nel 1580, si rivelò essenziale per la introduzione della nuova estetica classicistica del Rinascimento italiano in Sardegna, propugnata dalla politica artistica di Filippo II.
L'impianto è a croce greca con un braccio lievemente più lungo degli altri. I quattro bracci sono voltati a botte, scandita da archi trasversi, e nella intersezione si erge una cupola emisferica, raccordata al vano cubico sottostante mediante pennacchi conici. Lungo il filo d'imposta della volta, per l'intero perimetro, corre una cornice aggettante, decorata inferiormente con una teoria di dentelli, motivo che si attesta anche nella circonferenza su cui si imposta la cupola. Alla controfacciata è addossato il coro, sostenuto da un arco ribassato gotico-catalano. Il repertorio classicistico compare nei partiti ornamentali, nelle mensole, nelle nicchie, incastonate in edicole con timpano sostenuto da lisce lesene, e, soprattutto, nella volta del presbiterio, decorata a cassettoni con rosette di varie forme, il cui schema rimanda alla volta cassettonata prospettica ideata dal Bramante, intorno al 1482, nel coro di Santa Maria presso San Satiro a Milano. Si rilevano alcune incongruenze rispetto alle forme rinascimentali: la pesantezza dei partiti decorativi, l'arcone ribassato del coro e la cupola emisferica, analoga a quella della basilica del San Saturno di Cagliari, che inducono ad attribuire l'esecuzione e l'ideazione di tali elementi alle maestranze locali.

Saint Augustine Church - Cagliari

Located in the historic district of Marina, the Catalan-Gothic church was built in the early 15th century, but it was destroyed in 1576, during the works for implementing the boundary walls ordered by Philip II of Spain. The king immediately entrusted engineers Jacopo and Giorgio Palearo Fratino with the project to construct a new church. Jacopo designed the project, while Giorgio directed the works, which started in 1577 and ended in 1580. But as Giorgio left Sardinia before the works were completed, the architecture shows some inconsistencies with the classicist code which characterizes it, both as for spaces and decorations. The new church, completed in 1580, was essential for the introduction of the new classicist esthetics of Italian Renaissance in Sardinia, supported by Philip II's artistic policy.
The building has a Greek cross plan, with a slightly longer arm. The four arms are barrel-vaulted marked by transverse arches, and there is a hemispherical dome connected to the cubic space below through conic pendentives at the intersection of the arms. There is a jutting cornice which runs along the edge of the springer of the vault and surrounds the entire perimeter, whose lower part is decorated with dentels, a pattern found also in the circumference of the dome. The choir, supported by a lowered Catalan-Gothic arch, is next to the counterfacade.
The classicist elements are found in the ornaments, consoles, niches, embedded in aedicules with a tympanum supported by smooth pilasters, and above all in the vault of the presbytery coffered decorated with rosettes of different forms. This scheme refers to the perspective coffered vault, conceived by Bramante in 1482, in Santa Maria choir at San Satiro in Milan. There are some inconsistencies with the Renaissance style: the heaviness of the decorative aspect, the low arch of the choir and the hemispherical dome, similar to that of the basilica of San Saturno in Cagliari, which suggest that the design and making of these elements were carried out by the local workers.

[ Torna all'inizio della pagina ]