[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santa Restituta - Casteddu

Crèsia de Santa Restituta - Casteddu

Crèsia S.Restituta Casteddu Posta in su bixinau istòricu de Stampaxi, sa crèsia ndi dd’iant pesada in su de XVII sèculus gràtzias a sa donatzioni fata de su mèdicu de su Rennu de Sardìnnia Salvatore Mostallino, mortu in su 1636. Sa strutura est asuba de un’ipogeo chi ddoi fuat giai, chi arrisurtat èssiri sa cripta e si podit abbisitai. Su fàbricu de sa crèsia noa fait parti de su cuntestu arreligiosu chi in su Seixentus caraterizàt sa Sardìnnia, innui fuat alluta sa cuntierra tramesu is pìscamus de Casteddu e de Tàtari po s’agiudicai su tìtulu de diòtzesi majori, chi pertocat sa Sardìnnia e sa Còssiga. Po disciniri cali de is duas diòtzesis essat prus de importu, s’incarrerant is sgavus in is necròpolis antigas e in is logus de cultu de is màrtiris, po ndi cuberai is arrelìchias.
A una navada sceti, s’àula portat una crabetura a cuba cun capellas a is partis congruia cun su presbìteriu unu pagu artziau. Sa faciada baroca amostat una coronadura a forma de capeddu de carabineri, oguali a su de medas crèsias barocas de s’ìsula. Si ddoi aberit su portali, e inpitzus portat unu tìmpanu curvu arrevrincau. Sderrocada de is bombardamentus de sa II gherra manna, a sa crèsia dd’iant fatu unu primu assèliu, congruiu in is annus Sessanta. Unu segundu arrecàsciu dd’ant acabbau de pagu tempus e, imoi, sa crèsia est aberta a su cultu e a totu sa comunidadi.

Chiesa di Santa Restituta - Cagliari

Ubicata nel quartiere storico di Stampace, la chiesa fu impiantata nel secolo XVII in virtù del lascito del protomedico del Regno di Sardegna Salvatore Mostallino, spentosi nel 1636. La struttura insiste su un preesistente ambiente ipogeo, che ne costituisce la cripta visitabile. L'edificazione della nuova chiesa rientra nel clima di fermento religioso che nel Seicento caratterizzò la Sardegna, ove era viva la disputa tra gli arcivescovi di Cagliari e di Sassari al fine di aggiudicarsi il titolo primaziale, relativo a Sardegna e Corsica. Allo scopo di dimostrare il primato di una diocesi rispetto all'altra, si intrapresero campagne di scavo nelle antiche necropoli e nei luoghi di culto dei martiri, al fine di reperirne le reliquie.
Mononavata, l’aula è voltata a botte con cappelle laterali e conclusa dal presbiterio rialzato. La facciata barocca mostra terminale a cappello di carabiniere, che compare sovente nelle chiese barocche dell’Isola. Vi si apre il portale, sormontato da timpano curvo spezzato. Gravemente danneggiata durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale, la chiesa fu interessata da un primo restauro, ultimato negli anni Sessanta. Un secondo intervento è stato concluso recentemente e, attualmente, la chiesa è aperta al culto e fruibile da parte della comunità.

Saint Restituta Church - Cagliari

Located in the historic district of Stampace, the church was built in the 17th century thanks to the legacy of the first court physician of the kingdom of Sardinia, Salvatore Mostallino, who died in 1636. The building was constructed on an existing hypogean, i.e. the visitable crypt. The construction of the new church is part of the religious ferment which characterized Sardinia in the 17th century, when the archibishops of Cagliari and Sassari were fighting for the primacy of Sardinia and Corsica. To demonstrated the primacy of  one diocese over the other, they carried out excavations in the ancient necropolis and in the places of worship of martyrs, in order to search for relics.
Its interior is composed of a single nave surmounted by a barrel vault with side chapels and a stilted presbytery.
The Baroque façade has a double-inflection finial, typical of the Baroque churches of the island. It contains the portal surmounted by a broken curved pediment. As it was severely damaged by the bombings of World War II, it was first restored in the 1960s. Then, it was recently restored again, and now the church is open to the public and is part of the community life.

[ Torna all'inizio della pagina ]