[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Cripta de S.Efis - Casteddu

Cripta de Sant'Efis - Casteddu

Cripta S.Efis Casteddu Sa traditzioni contat ca sa gruta, posta in su bixinau istòricu de Stampaxi arta, siat su presoni innui iant incungiau e trumentau innantis de su màrtiriu a su santu gherreri, incapas acuntèssiu in Nora po mori de sa persecutzioni de Diocletzianu in su 303.  Sgavau po noi mèturus in s’arroca carcari asuta de s’arrasu de sa bia e a innui si intrat de una scalera chi s’aberit in bia S. Efis, est cumpostu de un’aposentu cuadrau chi portat duus pilastrus in mesu, arrisparmiaus in sa fasi de sgavu. Ddoi est, fintzas un’absidedda orientada, chi chistit un’artari de màrmuri ondrau cun azulejos valentzanus de su Sexentus e una colunna, a innui sa traditzioni contat chi apant acapiau su santu, po ddu pòdiri aciotai. Podit èssiri chi sa gruta fessat, giai in àpica pùnica, una gava de arrocus de carcari po fàbricu. A su parri de unus cantu studiaus, infatu dd’iant umperau cument’e gisterra, ipòtesi chi non iat agatau de acòrdiu a Antoni Taramelli, chi fuat stètiu su primu a ddoi sgavai in is annus Binti, candu iat postu in craru ca non ddoi iat perunu arrastu de terralla ne de impastus contras a s’umidori in is murus e inpunnat, intamis, s’ipòtesi ca fuat logu destinau a su cultu de Iside, sprichendi-dda cun sa presèntzia de unu putzu sgavau in su pamentu po aciocai s’àcua de su Nilo, umperada in su cultu egìtziu de sa dea. In s’abbètia intr’e sa diòcesi de Casteddu e de Tàtari a s’acabbu de su Cincuxentus po s’arreconnoscimentu de sa seu printzipali in Sardìnnia, fuant arribbaus a puntu de pediri, in su 1606, s’interventu de su Tribunali cresiàsticu, chi arrennescit a pònniri paxi fintzas a sa sigunda dexena de su sèculu, candu iant detzidiu de arreconnosci cument’e sedi printzipali sa chi s’iat a èssiri distinta de prus po sa cantidadi e sa calidadi de arrelìchias de is màrtiris, frutu de sa inventio in donniuna de is duas diòcesis. Is cunfrarus de Sant’efis iant pediu a is autoridadis de pòdiri indagai sa gruta, po circai is arrelìchias de is màrtiris, mancai essant giai scìpiu ca de Sant’Efis non nd’iant àiri agatau, chistias in Nora e sicutadas de is Pisanus in su 1088. In su 1616 asuta de su pamentu de terra iant cuberau una sepurtura, innui ddoi fuat unu corpus chi is cunfraris iant  arreconnotu po èssiri su de su màrtiri Edizio, militzianu de Sant’Efis. Custa identificatzioni fuat cunfimada de un’iscritzioni in d-una tella de màrmuri chi iant agatau, chi arresat B.M. EDITUS, est a nai “Bonau Memoriae Editus”. In s’interis de sa sigunda gherra manna, infinis, sa gruta iat chistiu is Casteddajus chi ddoi andant a circai amparu de is bombas.

Cripta di S. Efisio - Cagliari

La tradizione ritiene che l'ipogeo, ubicato nella parte alta del quartiere storico di Stampace, sia il carcere ove il santo guerriero fu recluso e vessato prima del martirio, verosimilmente avvenuto a Nora durante la persecuzione dioclezianea del 303. Scavato per 9 metri nella roccia calcarea sotto il livello stradale e accessibile mediante una ripida scalinata che si apre sulla via S. Efisio, è costituito da un vano quadrangolare recante due pilastri centrali, risparmiati in fase di scavo. Vi è, inoltre, una absidiola orientata, che ospita un altare marmoreo impreziosito da azulejos valenzani seicenteschi e una colonna, alla quale la tradizione ritiene fosse stato legato il santo, al fine di subire la flagellazione. L'ipogeo fu probabilmente, già in epoca punica, una cava di blocchi calcarei da costruzione. Secondo alcuni studiosi, fu in seguito utilizzato come cisterna, ipotesi che vede discorde Antonio Taramelli, il quale vi indagò per primo durante gli anni Venti, quando sottolineò che non vi era alcuna traccia di cocciopesto né di malte impermeabilizzanti sulle pareti e avanzò, invece, la ipotesi di luogo destinato al culto della dea Iside, motivandola con la presenza di un pozzo scavato nel piano di calpestio al fine di contenere le acque del Nilo, adottate nel culto egizio della dea. Nel corso della disputa tra le arcidiocesi di Cagliari e di Sassari alla fine del Cinquecento per la conquista della sede primaziale in Sardegna, si raggiunse un livello di animosità tale da richiedere, nel 1606, l’intervento del Tribunale ecclesiastico, il quale non smorzò i toni fino alla seconda decade del secolo, quando si decise di riconoscere la primaziale alla sede che si fosse maggiormente distinta per la quantità e qualità di reliquie di martiri, frutto della inventio condotta nella relativa arcidiocesi. I confratelli di Sant'Efisio domandarono pertanto alle autorità religiose di poter indagare l'ipogeo, al fine di rinvenire reliquie martiriali, benché fossero consapevoli dell’assenza delle spoglie mortali di Efisio, custodite a Nora e requisite dai Pisani nel 1088. Nel 1616 sotto il piano di calpestio in terra battuta fu rinvenuta una sepoltura, contenente un corpo che i confratelli attribuirono al martire Edizio, miliziano al seguito di Sant'Efisio. Tale identificazione fu tosto confermata dal rinvenimento di un'iscrizione su una lastra marmorea, che recitava B.M. EDITIUS, ossia "Bonae Memoriae Editius". Durante il secondo conflitto mondiale, infine, l'ipogeo accolse i Cagliaritani che vi cercavano riparo dalle bombe.

Crypt of Saint Efisio - Cagliari

It is traditionally believed that the hypogeum, located in the upper part of the historical district of Stampace, was the prison in which the warrior saint was confined and tortured before his martyrdom, which probably occurred in Nora during the Diocletian persecution in 303. The crypt was dug nine meters into the limestone and can be accessed only through a steep staircase located in via S. Efisio. It is a quadrangular room with two pillars in the middle, which were not destroyed during the excavations. There are also a small apse with a marble altar decorated with Valentian azulejos of the 17th century and a column, to which it is traditionally believed that the saint was tied in order to be flagellated. Some scholars state that the crypt was probably a pit in the Punic age and was used as tank. Antonio Taramelli disagrees with it, and, according to his studies carried out in the early 1920s, there are no traces of opus signinum nor sealing mortars on the walls. Instead, he believes that it was a place dedicated to the cult of Isis, because there was a well dug on the planking level for containing the waters of the Nile river, used in the Egyptian cult of the goddess. At the end of the 16th century, during the dispute between the Archdiocese of Cagliari and Sassari for being the primatial see in Sardinia, it was necessary for the Ecclesiastical Court to intervene. It decided that the primatial see should be the one which owned more relics of martyrs, judged for quantity and quality. So the members of the confraternity of St. Efisio asked to the religious authorities the permission for searching relics in the hypogean, although they already knew there were no mortal remains of Efisio, because they were first guarded in Nora and then confiscated by Pisa in 1088. In 1616 under the planking level they found a grave with a corpse that the members of the confraternity attributed to martyr Edizio, a militiaman follower of St. Efisio. This identification was confirmed by a script found in a marble slab with the engraving  B.M. EDITIUS, i.e. “Bonae Memoriae Editius”. Finally, during the Second World War, the hypogean was used as shelter from the bombings.

[ Torna all'inizio della pagina ]