[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Cripta de Santa Restituta - Casteddu

Cripta de Santa Restituta - Casteddu

Cripta S.Restituta Casteddu Postu in su bixinau istòricu de Stampaxi, s’ipogeo est una gruta naturali, sceti in parti sgavada in s’arroca asuta de sa crèsia. In edadi tradu-pùnica fuat una gava de carcari e, apustis, logu de cultu, cumenti indullint a pentzai is trastu ofertus in votu chi ddoi ant agatau, agoa fintzas a su I sèculu p.C. dd’umperant cument’e depòsitu de zirus. Apustis de dd’àiri sbandonau po doxi sèculus, torrat a cuberai sa funtzioni sacra asuta de sa dominatzioni pisana, cumenti amostat s’abbisita de su pìscamu de Pisa in su 1263, Federicu Visconti. Sbandonau torra fintzas a is primus de su Seixentus, candu s’aposentu mannu tzentrali, a innui s’abasciat de duas scaleras sgavadas in s’arroca etotu, dd’iant torrau a scobèrriri e a umperai. Is murus fuant decoraus cun pinturas, intamis in s’àrtari mannu fuat posta sa stàtua de màrmuri de Santa Restituta, scurpia in su de V sèculus e, in su piticu, fuant postas cussas de is Santas Justa, Justina e Enedina. Is stàtuas iat orientau in sa circa de is arrelìchias, chi at a donai arrisurtaus in su 1614, candu ndi sciusciant s’artari minori po cuberai is arrestus sacrus. Assegus de custa crobàntzia, su pìscamu de Casteddu Francisco Desquivel iat ordinau trabballus de abellidura, cument’e in s’artari chi at a èssiri artziau e is tres nìcius fatus a nou: su de mesu chistiat is arrelìchias de is cuàturu Santas e sa stàtua de Santa Restituta, intamis cussas de is partis, fortzis, chistiant cussas de Eusèbiu, pìscamu de Vercelli, e de s’abbadissa Eusèbia, chi segundu su connotu fuant fillus de Santa Restituta. Apustis de àiri agatau àterus Corpus santus asuta de su pamentu de sa cripta, sighint àterus decorus faci a su 1620, candu aciungint s’artari majori de sa capella in fundu, inserrada in d-un’arcu mannu fruniu cun froris e puntas de diamantis. In sa segunda gherra manna is casteddajus s’amparant de is bombardamentus in sa cripta, intamis is arrelìchias de sa Santa ant a èssiri trantzias a sa crèsia acanta de Sant’Anna. Si ndi perdit aici s’arregordu fintzas a su 1997, candu ddas torrat a agatai Mauro Dadea, arremadas in d-unu testu de su Setixentus fatu de linna e imbestiu de arroba, innui unu cartìlliu ddas documentat cument’e is arrelìchias de Santa Restituta.

Cripta di Santa Restituta - Cagliari

Ubicato nel quartiere storico di Stampace, l'ipogeo è una grotta naturale, solo in parte scavata nella roccia sottostante la chiesa. Fu cava di blocchi calcarei in età tardo-punica e, successivamente, luogo di culto, come indurrebbe a ipotizzare il rinvenimento in loco di oggetti votivi; divenne poi, fino al secolo I d.C., deposito di anfore. Dopo un lungo abbandono perdurato per dodici secoli, recuperò la funzione cultuale durante l’egemonia pisana, come dimostra la visita nel 1263 da parte dell’arcivescovo di Pisa, Federico Visconti. Fu nuovamente abbandonato fino agli inizi del Seicento, quando l’esteso ambiente centrale, accessibile mediante due scalinate ricavate nella roccia, fu riscoperto e riattato. Le pareti erano decorate con dipinti, mentre sull'altare maggiore era collocata la statua marmorea di Santa Restituta, risalente al secolo V, e, in quello minore, i simulacri delle Sante Giusta, Giustina ed Enedina. Le statue orientarono la ricerca delle reliquie, che si rivelò fondata nel 1614, quando si distrusse l'altare minore per rinvenire i resti sacri. A seguito di tale reperimento, il vescovo di Cagliari Francisco Desquivel ordinò lavori di abbellimento, consistenti nella sopraelevazione dell'altare e nella creazione di tre nicchie: la centrale ospitava le reliquie delle quattro Sante e la statua di Restituta, mentre le laterali accoglievano, probabilmente, i simulacri di Eusebio, vescovo di Vercelli, e della abbadessa Eusebia, che la tradizione ritiene figli di Santa Restituta. Dopo il ritrovamento di altri presunti Corpi santi sotto il pavimento della cripta, si procedé ad ulteriori decorazioni intorno al 1620, che videro l’aggiunta del grande altare della cappella di fondo, delimitata da un grande arco ornato con fioroni e punte di diamante. Durante il secondo conflitto i Cagliaritani trovarono riparo dai bombardamenti nella cripta, mentre le reliquie della Santa furono traslate nella vicina chiesa di Sant'Anna. Se ne perse quindi memoria fino al 1997, quando furono rinvenute da Mauro Dadea in un ambiente dimesso, all'interno di un'urna secentesca in legno rivestita di stoffa, recante un cartiglio che le identifica quali reliquie di Santa Restituta.

Saint Restituta Crypt - Cagliari

Located in the historic distric of Stampace, this hypogean is a natural cave, partly dug into the rocks, under the church. In the late Punic age, it was used as a limestone quarry, and then it became a religious place, as suggested by the votive items  found there. Later, until the 1st century AD, it was used as a deposit for amphorae. After a long period of abandonement, it became a religious place again during the Pisan domination, as demonstrated by the visit of the archbishop of Pisa, Federico Visconti, in 1263. It was again abandoned until the early 16th century, when the crypt, accessible through two stairways dug into the rocks, was refitted. The walls were decorated with paintings, whilst in the main altar there was the marble statue of St. Restituta, dating back to the 6th century, and in the minor altar there were the  simulacrums of saints Giusta, Giustina and Enedina. The statues were useful in the search for relics carried out in 1614 as sacred remains were found in the minor altar, which was destroyed. After this finding, Francisco Desquivel, bishop of Cagliari, commissioned the works to embellish the place, i.e. the raise of an altar and the construction of three niches: the central one hosted the relics of the four saints as well as the statue of St. Restituta. The side niches probably hosted the simulacrums of Eusebio, bishop of Vercelli, and of abbess Eusebia, traditionally believed to be St. Restituta’s sons. After the finding of other alleged catacomb saints, under the floor of the crypt, in 1620 further decorations were added, together with another great altar in the chapel bordered by a large arch adorned with rosettes and diamond drills.
During the Second World War, Cagliari citizens used the crypt as a shelter from the bombings, while the relics of the Saint were moved to the nearby church of St. Anna. The relics were forgotten until 1997, when Mauro Dadea found them in a disused environment, inside a wooden urn covered with cloth dating back to the 18th century, with a scroll which identifies them as the relics of Santa Restituta.

[ Torna all'inizio della pagina ]