[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de sa Virgini de Ìtria – Mara

Crèsia de sa Virgini de Ìtria – Mara

Vìrgini de Ìtria Sa Crèsia de sa Vìrgini de Ìtria:  de su  de XIII sèculus, tenit una stòria curiosa

Sa cresiedda de su Mesu-evu de Nostra Sennora de Ìtria tenit una stòria curiosa. Ndi-dda ant pesada in sa segundu mitadi de su de XIII sèculus a stili romànicu cun calincuna cositedda a gustu gòticu. Ancora ddoi est sa cobertura de linna originali ma s’àbsidi ndi-dda ant sciusciada faci a sa mitadi de su 1800. Custu poita boliant imperai sa pratza manna chi ddoi iat po fai domus po is maresus e difatis una parti dd’iant bèndia a privaus. Insandus, parti ca nd’ant sciorrocau s’àbsidi, ddi iant po-finas transiu s’intrada e  ddoi iant fatu su pròciu. Ma su logu no interessàt sceti a is privaus ma finas a s’aministratzioni chi ddoi boliat fai sa domu comunali pròpiu in sa pratza ananti de s’intrada. Nc’at stètiu paricis chistionis de giustìtzia intra s’aministratzioni e is privaus. A s’acabu de su 1800 s’aministratzioni s’at bèndiu àterus 400 metrus e at donau s’incàrrigu de arrangiai sa cresiedda a su ingennieri Gustavo Ravot. Is traballus acabaus in su mesi de maju de su 1900 fiant po ddi cambiai s’intrada a s’àtera parti, faendi-ddi sa faciada noa e is lollas po is fidelis, po transiri sa sagrestia de una parti a s’àtera, po ddoi fai su còmudu e po nci ponni s’artari in fundu. A ùrtimu ddoi ant finas fatu unu muru po firmai su bestiàmini de nci imbucai a crèsia. Ma su contu no est acabau ancoras. Acabaus chi funt is traballus funt incumentzadas is chèscias de sa genti. Màssimu po s’artari nou chi fut diversu de su progetu, ca fut tropu caru e nd’iant fatu un’àteru prus barateddu. Ma sa cosa fut ca custu artari nou fut tropu piticheddu e no ddoi capiat sa stàtua de Nostra Sennora. Insandus in su 1904 at tocau a ndi fai un’àteru nou po ddoi depi capi sa stàtua. Is chèscias funt sighias perou finsas po sa benda de su logu aingìriu de sa faciada originali de sa cresiedda romànica, chi sendi èssiri privau fiat serrau po su pùbricu chi no ndi podiat gosai. E at tocau a lompi a is annus 80 de su ‘900 po chi s’aministratzioni nd’essit pòtziu torrai a pigai unus cantu metrus de sa pratza originali.
Scedas pigadas de www.comune.maracalagonis.ca.it “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” e furriau in sardu de su “Portalitu de sa Lìngua Sarda”

La Chiesa della Vergine d’Itria: del XIII secolo ha una storia particolare
© Francesca Marrocu

Una vicenda da ricostruire è certamente quella che ha portato la piccola chiesa medioevale di Nostra Signora d’Itria a perdere gran parte dell’area circostante di sua pertinenza e a ruotare l’asse di 180 gradi. La chiesa fu edificata nella seconda metà del XIII secolo ed è un bellissimo esempio di architettura romanica con qualche richiamo al gusto gotico, di cui rimane a tutt’oggi la copertura lignea medioevale, mentre è andata persa l’abside originaria: infatti nella seconda metà dell’Ottocento, con l’intenzione di adibire ad uso abitativo il grande piazzale che circondava la chiesa, considerato quasi “sprecato”, una parte di esso fu venduta a privati: l’abside originaria fu abbattuta e l’ingresso fu traslato nel lato opposto, laddove fu costruito un portico. Fin dalla metà dell’Ottocento il piazzale della Vergine d’Itria fu oggetto di interesse da parte dell’amministrazione comunale: ilprimo progetto relativo alla costruzione della Casa Municipale, di cui Maracalagonis in quel tempo era sprovvista, prevedeva la costruzione dell’edificio proprio nel piazzale antistante l’attuale ingresso della chiesa. L’area prospiciente l’antica facciata fu invece oggetto di abusi da parte dei proprietari delle abitazioni limitrofe, come dimostrano diverse liti intentate dall’amministrazione fin dal 1875 contro alcuni proprietari confinanti. Dopo aver valutato varie proposte, negli ultimissimi anni dell’Ottocento l’amministrazione decise di vendere un’area vasta circa 380 metri quadrati e affidò la compilazione del progetto per il restauro della chiesa all’ingegnere Gustavo Ravot. I lavori, iniziati nell’estate del 1899 e ultimati nel maggio del 1900, consistettero nel «cambiare l’ingresso al lato opposto a quello dove esiste attualmente, costruendo davanti la nuova facciata un loggiato per riparo dei fedeli, attesa la ristretta capacità della navata; cambiare la Sagrestia da un fianco all’altro opposto, costruendovi un nuovo cesso, che attualmente manca; infine trasportare l’altarino al lato che diventerà di fondo». A questo si aggiunse la costruzione di un muro di recinzione che proteggesse l’area circostante dall’invasione del bestiame. Motivo di lagnanze da parte della cittadinanza fu il nuovo altarino che, oltre a differire sensibilmente dal disegno allegato in progetto, decisamente dispendioso e per questo sostituito da uno più economico, arrecava l’imbarazzante difetto di non riuscire a contenere la statua della Madonna per cui era stato costruito. Esso fu sostituito nel 1904 da un nuovo altare e vi fuposizionata la statua della Vergine. Ciò che non si placò fu invece il malcontento della popolazione per la vendita della parte antistante l’originaria facciata della chiesa romanica, che per lungo tempo non poté essere più ammirata e fruita dalla popolazione. Malgrado la polemica si fosse riaccesa in consiglio a pochi anni da quegli avvenimenti, solo in anni più vicini ai nostri tempi, grazie ad un movimento portato avanti negli anni Ottanta da un gruppo di giovani del paese, il Comune di Maracalagonis riuscì a recuperare alcuni metri del piazzale originario.
- Tratto dall’home page di www.comune.maracalagonis.ca.it nel link “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” - Tradotto in sardo dal “Portalitu de sa Lìngua Sarda” della Provincia di Cagliari

The Church of the Virgin of Itria (13th century) has a peculiar history

The story of how the small medieval church of Our Lady of Itria lost much of its surrounding area and rotated its shaft 180° degrees is one that needs some reconstruction. The church was built in the second half of the 13th century and is a beautiful example of Romanesque architecture, with some reference to the Gothic style, of which, to this day, remains the medieval wooden ceiling, while the original apse has been lost: in fact, in the second half 19th century, with the intention of using the big square surrounding the church for residential purposes (because it was considered almost "wasted”), a part of it was sold to private entities: the original apse was demolished and the entrance was moved to the opposite side, where a porch was built. Since the middle of the 19th century, the square of the Virgin of Itria was the subject of interest by the city administration: the first project for the construction of the Municipal House, which Maracalagonis at that time was lacking, meant to build the structure in the square opposite of the current entrance to the church. The area near the old facade was instead abused by the owners of the neighboring houses, as evidenced by the several lawsuits filed since 1875 against some neighboring owners. After evaluating several proposals, in the very last years of the 19th century, the government decided to sell a large area about 380 square meters and entrusted the completion of the project for the restoration of the church to the engineer Gustavo Ravot. Works began in the summer of 1899 and were completed in May 1900. They consisted in "changing the entrance to the opposite side, building a new facade in front of the porch to shelter the faithful, given the limited capacity of the nave; moving the Sacristy from side to its opposite, and building a new toilet, which is currently lacking; finally, we plan to move the altar to the side that will become the bottom one”. In addition, they built a boundary wall that would protect the surrounding area from the invasion of livestock. The citizens complained that the new altar, which differed significantly from the drawing attached to the project, was also very expensive and, thus, replaced with a cheaper one. It also displayed the embarrassing flaw of not being able to contain the statue of the Virgin, for which it had been built. It was replaced in 1904 by a new altar and the statue of the Virgin was placed in it. This did not decrease the discontent of the population, also angry for the sale of part of the original front facade of the Romanesque church, which for a long time could not be admired and enjoyed by the population. Despite the controversy was rekindled in the following years of those events, only in years closer to our time, thanks to an initiative brought forward in the 80s by a group of young people, the City of Maracalagonis managed to recover some meters of the original square.

Taken from the homepage of www.comune.maracalagonis.ca.it in "Traditions and Culture in Maracalagonis"> "Churches" - Translated from the Sardinian original text in "Portalitu de sa Language of Sarda" of the Province of Cagliari

[ Torna all'inizio della pagina ]