[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Sant’Efis - Casteddu

Crèsia de Sant’Efis - Casteddu

Crèsia S.Efis Nora Posta in su bixinau istòricu de Stampaxi arta, sa crèsia est dedicada a su santu patronu de sa Sardìnnia e est pesada in pitzus de unu fàbricu de su 430 p. C., chi sa traditzioni contat chi siat stètiu su logu innui dd’iant tentu presoneri. Sa crèsia dd’iant ammanniada e dd’iant donau un’assètiu nou in su 1538, candu dda faint sedi de sa Cunfraria de S. Efis, siat in su 1726, data de sa cunsacratzioni de s’Oratòriu, scrita in sa làpidi murada in d-unu passadìtzu de s’aposentu cun bòvida a cuba, est dàbbili chi dd’apat progetau s’architetu piemontesu Antonio Felice De Vincenti, chi in s’interis fuat trabballendi in tzitadi a s’arrecàsciu de su Collègiu Gesuìticu de sa Santa Gruxi. A s’acabbu de su de XVIII sèculus ddoi iant torrau a ponni manu, donendi-ddi s’assètiu chi tenit oi, e chi si podit atribuiri a s’architetura piemontesa de su Setixentus. S’àula a una navada sceti, cun bòvida a cuba, s’aberit in capellas a is partis e agatat su tzentru in su presbitèriu artziau, cun bòvida a cùpula asuba de su tamburu. S’àula est intreverada de elementus de decoru e de strutura in stili cràssicu, intamis innui s’impostat sa bòvida e in su tamburu otagonali funt postas aberturas, lumbreras po s’àula intrea.
Sa faciada, ritmada de lesenas iònicas e de guarnissas chi marcant su pranu, chistit su portali, arricau de sa guarnissa e propassau de unu tìmpanu a arcu truncau e, in lìnia cun custu, sa fentana de sa cantòria. Sa coronadura a capeddu de carabineri, chi congruit sa faciada printzipali e chi cumparit in àteras crèsias sardas giai de su de XVI sèculus, est decorada cun trotòigus sèmpiri de su matessi stili de s’architetura piemontesa de su Setixentus, intamis su campanili a canna cuadra intrat in contu de is assèlius fatus de su Cincuxentus.

Chiesa di Sant'Efisio - Cagliari

Ubicata nella parte alta del quartiere storico di Stampace, la chiesa è dedicata al santo patrono della Sardegna e sorge su una fabbrica risalente al 430 d. C., che la tradizione ritiene il luogo della sua prigionia. La chiesa fu ampliata e modificata sia nel 1538, quando divenne sede della Confraternita di S. Efisio, sia nel 1726, data di consacrazione dell'Oratorio, riportata nella lapide murata in un ingresso laterale dell’ambiente voltato a botte, verosimilmente progettato da dall’architetto piemontese Antonio Felice De Vincenti, il quale si trovava contestualmente impegnato in città nella ristrutturazione del Collegio Gesuitico di Santa Croce. Sul finire del secolo XVIII vi furono nuovi interventi, che conferirono alla chiesa l'aspetto attuale, ascrivibile all’architettura piemontese del Settecento. L’aula mononavata, voltata a botte, si apre in cappelle laterali e trova il proprio fulcro nel presbiterio rialzato, voltato a cupola su tamburo. L'aula è scandita da elementi decorativi e strutturali classicheggianti, mentre all'imposta della volta e nel tamburo ottagonale sono presenti aperture, fonte di luce per l’intera aula.
La facciata, ritmata da lesene ioniche e da cornici marcapiano, ospita il portale, impreziosito dalla cornice e sormontato da un timpano curvilineo spezzato e, in asse con questo, la finestra della cantoria. Il terminale a cappello di carabiniere, che conclude il prospetto principale e che compare in altre chiese sarde già a partire dal secolo XVI, è decorato da volute ascrivibili al medesimo gusto architettonico piemontese settecentesco, mentre la torre campanaria a canna quadra rientra nel novero delle modifiche cinquecentesche.

Saint Efisio Church - Cagliari

The church, located in the historic district of Stampace, is dedicated to the patron saint of Sardinia and lies over a building of the 430 AD, which is considered the site of his detention. The church was enlarged and modified both in 1538, when it became the seat of St. Efisio confraternity, and in 1726, when the Oratory was consacrated, as engraved on the walled headstone in the side entrance to the space surmounted by a barrel vault, probably designed by architect Antonio Felice De Vincenti. The Piedmontese architect in that period was also involved in the restoration of the Jesuit College of Santa Croce. Towards the end of the 18th century they also carried out the restoration works that gave the church its current appearance, which could be classified as typical Piedmontese architecture of the 18th century. Its interior is composed of a single nave surmounted by barrel vaults, with side chapels. Its presbibery is stilted with a dome lying on a drum. The room is embellished with classical decorative and structural elements, while in the springer of the vault and in the octagonal drum there are several openings which let the light in.
The façade is punctuated with ionic pilasters and stringcourse frames and hosts the portal embellished with a frame and surmounted by a broken curvilinear tympanum, and, in line with it,  there is the window of the choir. Its finial is a typical Baroque one, as those present in many Sardinian churches since the 16th century, and it is decorated with the same Piedmontese architectural style of the 18th century, while the square bell tower was restored in the 16th century. 

[ Torna all'inizio della pagina ]