[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santu Gregori – Mara

Crèsia de Santu Gregori – Mara

Santu Gregori Sa crèsia de Santu Gregori: de su burgu de s’otuxentus in su sartu de Sìnnia

Sa crèsia de Santu Gregori si incarat in sa pratzita curiosedda de su burgu de s’otuxentus chi portat su pròpiu nòmini. Mancai s’agatit in su comunali de Sìnnia, che a Santu Basili etotu, fait parti a su comunu de Mara, est a nai a Santa Maria Assunta. In sa faciada ddoi est unu campanili a vela e agiru-agiru nci portat is lollas. Est a una navada sceti e a bòvida de linna, in fundu ddoi est su presbitèriu e a manu dereta sa sagristia. De sa fundatzioni cosa sua no ndi scieus giai nudda e perou nci teneus paricis scedas de is documentus de s’archìviu stòricu diocesanu de Casteddu. S’arremonu prus antigu est de su 13 de mesi de ladàmini de su 1618, candu si fiat mortu custu Gian Piero Lepori chi in su testamentu cosa sua iat lassau 1000 francus a sa crèsia. E àterus nci-ndi at stètiu de testamentus, finsas a candu in su 1631 custa fèmina, Orrù ddi narànt, iat scritu in su suu ca faiat una lassa a sa ‘fàbrica de Santu Gregori’ e duncas capassu chi a cussa ora ddoi fessint traballus in sa crèsia. Cunforma a su connotu de is crèsias de sartu, sa guardiania dda faiat unu eremitu chi fut su pròpiu de Santu Basili e de Santa Luxia e chi traballàt su giardinu puru. Su primu eremitu connotu est custu Efis Maria, casteddaju, chi si fut mortu su 15 de cabudanni de su 1716 e chi nci iant interrau in sa cresia de sa Madonna de Itria, comenti iat bòfiu issu etotu. S’otu de su mesi infatu si fut morta custa Domenica, casteddaja cussa puru, e capassu chi fessit sa mulleri de cuddu, ma chi perou nci iant interrau in sa cresiedda de monti. A un’àteru eremitu nci-ddu iant interrau in sa crèsia de Santu Tomasu chi perou imoi no s’agatat prus. De unu documentu de su 1777 arresurtat ca sa cresiedda andàt ainnantis sceti gràtzias a is ofertas de su pòpulu e sa limùsina chi nd’arregolliat s’eremitu. Portàt un’artari e una campana sceti e sa sagriestia fut indipendenti de sa navada. Custa crèsia puru at tentu paricis arràngius: in su 1739 custu maistu de muru Salvador Deplano anca iat arrangiau crèsia e lollas, in su 1750 s’eremitu Salvador Serreli iat arrangiau sa cobertura e àteruas cositeddas, in su 1827 iant torrau a fai sa sagristia, in su 1828 s’aposentu de s’eremitanu, in su 1836 sa cobertura, su campanili e sa stàtua de su santu. In su 1855 Efis Mereu iat arrangiau torra sa stàtua e fatu unu gruxivissu e in su 1867 su maistu de muru Còsimu Crobu iat fatu una braza de acuai po su giardinu. In su 1853 custus casteddajus chi fiant bivendi in su burgu iant arregalau a sa crèsia unu càlixi e àterus paramentus ma iant bòfiu còpia de is crais po ddoi fai sa missa. Su 13 de maju de su 1844 dd’iat abisitada su arciobispu de Casteddu Emanueli Maròngiu, chi at lassau scritu ca iat agatau sa cresiedda bastanti beni posta, ca ddoi fiat un’artari sceti e sa trona fissa e ca in totu su mesi de maju ddoi fiat unu predi stipendiau de custas famìllias de is casteddajus chi si passànt is fèrias a cussas partis. E finas ca sa cresiedda, impari a Santu Basili s’agatànt in sartu de Sìnnia ma fiant de Mara e ddoi biviat  custu eremitu Fideli Scalas.

Scedas pigadas de www.comune.maracalagonis.ca.it “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” e furriau in sardu de su “Portalitu de sa Lìngua Sarda”

La Chiesa di San Gregorio del borgo ottocentesco nelle campagne di Sinnai
© Ida Farci

La chiesa di San Gregorio si affaccia nella suggestiva piazza dell’ottocentesco borgo omonimo. Benché in territorio di Sinnai, come San Basilio appartiene al Comune di Maracalagonis ed è filiale della parrocchiale di Santa Maria Assunta. La sua facciata, con terminale a duplice inflessione sovrastato dal campanile a vela, è preceduta da un piccolo loggiato; internamente, è costituita da aula mononavata con copertura lignea, terminante a sud - ovest, senza soluzione, con il presbiterio, a destra del quale si trova la sacrestia. Allo stato attuale degli studi, nulla si sa sulla sua fondazione; troviamo però numerose notizie in documenti custoditi nell’Archivio Storico Diocesano di Cagliari. La menzione più antica risale al 13 ottobre 1618, quando morì Gian Piero Lepori, che, nelle sue ultime volontà, devolse 1000 soldi in suo favore. Ulteriori lasciti testamentari fecero altri devoti, morti, rispettivamente, nel febbraio del 1619, nell’agosto del 1628 ed il 3ottobre 1631, quando una certa signora Orrù definì il beneficiario “fabbrica del San Gregorio”: a quella data la chiesa era dunque verosimilmente in costruzione. Secondo una prassi abituale per le chiese campestri, la sua custodia era affidata ad un eremita, in questo caso allo stesso che vigilava sul San Basilio e sulla Santa Lucia, che si occupava anche del vasto giardino circostante, ad essa pertinente. Il primo eremita di cui si ha notizia è Efisio Maria, cagliaritano, morto il 15 settembre 1716 e sepolto per suo desiderio nella chiesa della Madonna d’Itria. L’otto del mese successivo morì l’eremita Domenica, anch’essa cagliaritana e verosimilmente moglie del suddetto, che fu invece sepolta nella chiesa montana. Un altro eremita, deceduto il 24 ottobre 1726, scelse come ultima dimora la chiesa marese di San Tommaso, non più esistente. Da un documento del 1777 risulta che il San Gregorio non aveva dote né per fondazione, né per legato; il suo vitalizio si doveva alle offerte del popolo e alla sollecitudine dell’eremita, che sempre elemosinava a questo scopo, cose che consentivano che essa fosse tenuta con la dovuta decenza. Aveva un solo altare e una campana, con la quale l’eremita, per disposizione del vicario parrocchiale, suonava sempre le orazioni per lodare Dio. Egli guidava inoltre la recita cantata del Rosario ogni qualvolta vi si radunavano dei fedeli. Lo stesso documento comunica che vi veniva concessa l’indulgenza plenaria in occasione della festa del Santo e che aveva una sacrestia indipendente dalla navata e coperta da un solido tetto ligneo. Nel corso del tempo, la chiesa ed i suoi pochi arredi, compresala statua del Santo, furono sottoposti ad interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, e a parziali ricostruzioni. Il 27 aprile 1738-39, per esempio, il muratore Salvador Deplano restaurò chiesa e loggiato; il 28 aprile 1750, la parrocchiale sostenne delle spese per accomodare la statua del Santo e, nel 1814, il suo eremita, fratel Salvador Serreli, curò l’esecuzione di diversi lavori: fu riparato il tetto della chiesa, ricostruito il loggiato e restaurati il simulacro ed il pastorale del Santo. Nel 1827 fu ricostruita la volta della sacrestia. Nel 1828 si realizzò una nuova stanza per l’eremita e si spese per il così detto acquedotto e per la recinzione del giardino. Nel 1836 furono accomodati il tetto della chiesa, le porte del campanile, del giardino e delle stanze degli eremiti, s’incominciò la costruzione del muro di cinta del chiuso superiore e si rifecero le dita mancanti al simulacro del Santo. Nel 1855 lo scultore Efisio Mereu accomodò le braccia della statua e realizzò un crocefisso per l’altare della chiesa, mentre, il 14 luglio 1867, il muratore Cosimo Crobu fu retribuito per aver fatto una nuova vasca per l’irrigazione del giardino. Nell’aprile del 1853 i cagliaritani che possedevano casa nel borgo acquistarono un calice e alcuni paramenti sacri per la chiesa, di cui chiesero doppie chiavi onde poter celebrare la messa. Il 13 maggio 1844 fu visitata dall’arcivescovo di Cagliari Emanuele Marongiu, che riferì: «Indi siamo andati nell’altra chiesa rurale di San Gregorio di Nazianzo, la quale è decente quanto basta; vi è un solo altare ed un pulpito fisso; vi si celebra la messatutto il mese di maggio da un sacerdote stipendiato da alcune famiglie cagliaritane che fanno qui la loro villeggiatura. Queste due chiese (l’altra è il San Basilio) sono site nel distretto di Sinnai ma dipendono dalla parrocchia di Maracalagonis; sono governate dal romito Fedele Scalas».
- Tratto dall’home page di www.comune.maracalagonis.ca.it nel link “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” - Tradotto in sardo dal “Portalitu de sa Lìngua Sarda” della Provincia di Cagliari

The Church of Saint Gregory in the 19th century town in the countryside of Sinnai

The church of Saint Gregory overlooks the picturesque square of the 19th town of the same name. Although it is located in the territory of Sinnai, as does Saint Basil, it belongs to the municipality of Maracalagonis, and is a subsidiary of the parish of Saint Mary of the Assumption. Its facade, with a terminal with dual inflection that is dominated by the belfry, is preceded by a small porch; internally, it consists of a single nave hall with a wooden roof, facing south-west, seamless with the presbytery, which is located to the right of the sacristy. The present studies attest that nothing is known about its foundation; however, we find numerous reports of it in documents kept in the Historical Diocesan Cagliari. The earliest mention dates back to October 13, 1618, when Gian Piero Lepori died. He, in his will, devolved 1,000 coins in its favor. Further bequests were made by other dead devotees, respectively, in February 1619, August 1628 and the 3rd of October 1631, when a Mrs. Orrù defined the beneficiary as the “Factory of Saint Gregory”: at that time, the church was therefore likely to be in construction. According to a usual practice for rural churches, its care was entrusted to a hermit: in this case, the same one who was watching Saint Basil, Saint Lucia and the large garden surrounding it. The first hermit of which we know of is Efisio Maria, born in Cagliari, who died in September 15, 1716, and buried by his will in the church of Our Lady of Itria. In the 8th of the following month, the Domenica hermit died, who was likely also born in Cagliari and wife of the first one. She was, instead, buried in the mountain church. Another hermit, who died in October 24, 1726, chose as his final resting place the Maracalagonis church of Saint Thomas, which no longer exists. A document from 1777 shows that Saint Gregory did not have a dowry, not for the foundation, nor for the legate; his annuity was to be offered by the people to the care of the hermit, who always begged for this, allowing the church to be kept with due decency. It had only one altar and a bell, with which the hermit, tasked by the parish vicar, always sounded the prayers to praise God. He also led the sung recitation of the Rosary whenever the faithful gathered there. The same document stated that, there, a plenary indulgence was granted on the feast of the saint and, also, that it had a sacristy independent of the nave and covered by a solid wooden roof. Over time, the church and its few furnishings, including the statue of the saint, underwent maintenance, ordinary and extraordinary, and partial reconstructions. In April 27, 1738 to 39, for example, the builder Salvador Deplano restored the church and the lodge; in April 28, 1750, the parish claimed expenses to accommodate the statue of the saint and, in 1814, his hermit, Brother Salvador Serreli, oversaw the execution of several works: the church roof was repaired, the porch was rebuilt and the simulacrum and the ministry of the Holy was restored. In 1827, the vault of the sacristy was rebuilt. In 1828, a new room for the hermit was created and expenses were made for the so-called aqueduct and the garden fence. In 1836, the roof of the church, the doors of the tower, the garden and the rooms of the hermits were accommodated. The construction of the wall of the higher indoor area began and the missing fingers of the statue of the saint were remade. In 1855, the sculptor Efisio Mereu settled the arms of the statue and made a crucifix on the church altar, while, in 14 July 1867, the mason Cosimo Crobu was paid to make a new tank for watering the garden. In April of 1853, the people of Cagliari who owned the house in the village bought a cup and some vestments for the church, and asked double keys of the church in order to celebrate the mass. On May 13, 1844, it was visited by the Archbishop of Cagliari Emanuele Marongiu, who reported: "Then we went in the rural church of San Gregorio di Nazianzo, which is decent enough; there is one altar and a fixed pulpit; the mass is celebrated for the whole month of May by a priest paid by some families in Cagliari, who spend their holidays here. These two churches (the other is Saint Basil) are situated in the district of Sinnai but depend on the parish of Maracalagonis; they are governed by the hermit Fedele Scalas.”
- Taken from the homepage of www.comune.maracalagonis.ca.it link in "Traditions and Culture in Maracalagonis"> "Churches" - Translated from the Sardinian original text in "Portalitu de sa Language of Sarda" of the Province of Cagliari.

[ Torna all'inizio della pagina ]