[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Sant'Àgata – Quartu S.A.

Crèsia de Sant'Àgata – Quartu S.A.

Crèsia de Sant'Àgata Sant’Àgata: crèsia romànica de sa mitadi de su de XII sèculus

Custa crèsia romànica ndi-dda ant pesada faci a sa mitadi de su de XII sèculus, forsis ca dd’iat bòfiu s’obispu de Casteddu. Sderruta po arrexonis chi no connosceus, ndi-dda ant torrada a pesai faci a su 1280-1300 in su pròpiu logu anca fiat sa crèsia bècia, manigendi arrestus de cussa etotu. Is primas scedas seguras funt de su 1291, candu su Papa iat acantzau s’indulgèntzia de un’annu e 40 diis a cuddus fidelis chi dd’iant a essi abisitada po sa festa de S.M. Vìrgini e de Sant’Àgata. Passendi-nci su tempus sa crèsia dd’ant abendonada, ca aici arresurtat de s’arrelata de un’abisita pastorali de s’obispu de Casteddu in su 1599. In su 1631 iant donau sa crèsia e totu sa propiedadi puru, a is paras Capucinus e custus ddoi ant stantargiau su guventu intitulendi-ddu a Santu Franciscu. Faci a sa segundu metadi de su 800, is benis de is paras ndi-ddus iat pinnigaus su stadu e donaus ddus iat a su comunu chi in su 1888 iat lassau s’ortu a sa sotziedadi de is tranvis. In su 1900 s’imperu fiat po su prus tzivili ma in su 1925 su predi quartesu Muns. Virgilio Angioni iat tentu su permissu de ddoi fai un’arricoveru de bècius abendonaus, castiaus de is mòngias de su Buon Pastore chi imperànt sa crèsia comenti a capella. In su 1985 s’istitutu arreligiosu iat lassau su guventu e sa crèsia, chi nd’at torrau a pigai su nòmini de Sant’Àgata e nci est passada a sa crèsia de Sant’Aleni. Is ùrtimus traballus de arràngiu ddus ant fatus in su 1990 e funt acabus in su 1997.
Sa crèsia portat una faciada ‘a capanna’ chi ant fatu is mòngius, impari a is capellas, a sa moda de is capucinus. De sa crèsia gòtica nd’at abarrau pagu, sceti is architus a parti de pitzus. A parti de aìnturu est a una navada sceti, su presbitèriu est matucheddu e apalas nci portat s’àbsidi. A manu manca ddoi est s’intrada a su guventu e a manu dereta sa sagristia e tres capellas, chi nd’ant stantargiau gràtzias a famìllias arricas de Quartu. Sa mobìlia antiga est pagu, una pintura de su ‘600, forsis de su pintori ginuvesu Orazio de Ferrari e chi est in s’àrtari de linna de su ‘600 etotu.


Scedas pigadas de Quartu Sant’Elena, guida ai monumenti - Monumenti Aperti 2012 e furriadas in sardu de su Portalitu de sa Lìngua Sarda

Sant’Àgata: chiesa romanica della metà del XII secolo

La chiesa romanica venne costruita a metà del XII secolo, forse per volere del vescovo di
Cagliari; andata distrutta per motivi sconosciuti, fu riedificata nel 1280-1300 sulle fondazioni e parte dei muri perimetrali del vecchio edificio, utilizzando anche materiale di spoglio. Le prime notizie sulla chiesa risalgono al 1291, quando il papa concesse l’indulgenza di 1 anno e 40 giorni ai fedeli che l’avessero visitata in occasione della festività di S. M. Vergine e di Sant’Agata. Col tempo cadde in progressivo abbandono, come risulta dalla relazione della visita pastorale effettuata nel 1599 dal vescovo di Cagliari. Nel 1631 l’edificio religioso e tutta la proprietà annessa furono ceduti ai Padri Cappuccini, i quali costruirono il convento addossandolo alla chiesa, che intitolarono a San Francesco.
Nella seconda metà dell’Ottocento, in seguito ad alcuni interventi legislativi, i beni dei frati furono incamerati dallo Stato e quindi ceduti al Comune, che nel 1888 concesse l’area dell’orto alla Società delle tranvie. Intorno al 1900 l’intera struttura fu destinata ad usi
civili, ma già nel 1925 il sacerdote quartese mons. Virgilio Angioni ottenne l’autorizzazione a realizzare nel vecchio convento un ricovero per vecchi abbandonati, assistiti dalle suore del Buon Pastore, che utilizzarono la chiesa come cappella. Nel 1985 l’istituto religioso ha
lasciato il convento e la chiesa, ripresa l’intitolazione a Sant’Agata, è stata affiliata alla parrocchia di Sant’Elena. Gli ultimi lavori di restauro, iniziati nel 1990, sono terminati nel 1997. La chiesa ha una modesta facciata a capanna, realizzata come le cappelle ad opera dei monaci che le diedero così l’attuale aspetto alla “cappuccina”. Dell’edificio gotico, realizzato da maestranze locali, restano i prospetti laterali - visibili solo nelle parti superiori e coronati da archetti pensili - e quello posteriore. L’interno, a una sola navata, ha la volta a botte; segue un ampio presbiterio, dietro il quale si trova il coro e l’abside con la volta
a crociera. Dal lato sinistro si accede al convento, mentre sulla destra si sviluppano la sacrestia, il coretto e tre cappelle, che furono costruite verosimilmente in tempi diversi a spese di altrettante famiglie di benefattori quartesi. La chiesa conserva solo pochi dei suoi antichi arredi, fra cui una pregevole pala del ‘600, attribuita al pittore genovese Orazio de Ferrari, inserita nell’altare ligneo dello stesso periodo.


Saint Agatha: a Romanesque church from the mid-12th century
This Romanesque church was built in the mid-12th century, perhaps at the behest of the bishop of Cagliari; destroyed for reasons unknown, it was rebuilt in 1280-1300 on the foundations and part of the perimeter walls of the old building, also using some of the materials left from its first incarnation. The earliest news we have about the church date back to 1291, when the Pope granted an indulgence of one year and forty days to the faithful that visited it on the day of the Virgin Mary and Saint Agatha. In the following centuries, it fell into gradual abandonment, as attested by the report of the pastoral visit made in 1599 by the bishop of Cagliari. In 1631, the religious building and all property surrounding it were ceded to the Capuchin Fathers, who built the convent right next to the church, which they named “Saint Francis”. In the second half of the 19th century, following a number of legislative measures, the assets of the friars were confiscated by the state and then transferred to the Municipality, which in 1888 gave the area of ​​the garden to the Train Society. Around 1900, the entire structure was devoted to a civil use, but already in 1925 the Quartu priest monsignor Virgilio Angioni was allowed to use the old convent as a shelter for old, homeless people, assisted by the Sisters of the Good Shepherd, who used the church as a chapel. In 1985, the religious institute left the convent and the church, changed its dedication to Saint Agatha, and affiliated it to the parish of Saint Helena. The last restoration works, begun in 1990, were completed in 1997. The church has a humble façade, created to resemble the chapels the monks built in the past. This gave it its current “Capuchin style” appearance. Of the Gothic building, built by local craftsmen, only the lateral prospects remain - which are only visible in the upper sections, and crowned by suspended arches - and the ones in the back. The interior, a single nave, has a barrel vault; beyond that, a large presbytery, behind which lies the choir and the apse with a cruise vault. From the left side, you can enter the convent, while on the right there are the sacristy, the choir and the three chapels, which were built probably at different times, at the expense of many families of Quartu benefactors. The church now owns only a few of its ancient furnishings, including a fine artwork made in the 17th century, attributed to the Genoese painter Orazio de Ferrari, placed in the wooden altar in the same period.

[ Torna all'inizio della pagina ]