[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Crèsia de Santa Luxia – Mara

Crèsia de Santa Luxia – Mara

Santa Luxia Crèsia de Santa Luxia: una cresiedda de sartu chi s’est agatada in mesu bidda

Sa crèsia de Santa Luxia oindii est aìnturu de sa bidda ma finas a is annus 50 de su sèculu passau fut in su sartu. Est una cresiedda poboritedda a una navada sceti, cobertura de linna e a sagristia a manu dereta. Sa testimonia prus antiga est de su 29 de maju de su 1559 candu dd’iant arremonada in mesu de is crèsias de sartu chi faiant parti a Santa Maria Assunta, in s’abisita pastorali de su Munsennori Alonso Lasso Sedeño. In mesu de is àteras cosas ddoi est finas s’òrdini de cuncordai una tancadura. Su Munsennori Francisco Desquivel, apustis de s’abisita de su 4 de friàrgiu de su 1613, iat ordinau a dda fai imbarchinai e a arrangiai su retàbulu ca fut bèciu meda. A dda billai, che a totu is crèsias de sartu, ddoi fiat un’eremitu, chi fiat su pròpiu de Santu Basili e de Santu Gregori. Maresus meda in is testamentus cosa insoru iant fatu lassa po ddis cantai missa, su primu connotu est de su 1681. Est finas stètia su logu anca ddoi iant interrau genti, su 13 de làmpadas ddoi iant interrau a s’eremitu Franciscu Guiso. Unu documentu de su 1777 si contat ca no si sciiat nudda de sa fundada cosa sua, chi fiat atesu de sa bidda mesu cuartu de ora e chi no teniat arrenda ma fiat beni tenta, comenti si spetat po una crèsia. In s’arrelata de s’abisita de s’obispu Emanuele Maròngiu de su 1844 si-ddoi ligit ca sa cresiedda no portàt cobertura ma anche su sìndigu Arrafieli Etza ddoi fiat depositau su tanti de 60 francus po si-dda cuncordai. Su 29 de mesi de idas de su 1846 unu maistu de muru de Mara, custu Cilloi, iat fatu su contu de is traballus de fai, est a nai a afortiai, limpiai e imbarchinai is mururs, a torrai a fai sa cobertura de linna, a ddi torrai a ponni sa tèula e a arregiolai. Agoa custus traballus gei ddus iant fatus comenti podeus ligi in d-un’àtera arrelata de su munsennori Giovanni Antonio Balma de su 15 de gennàrgiu de su 1873, anca fait a ligi ca iat abisitau sa cresiedda a pagu tretu de sa bidda e anca ddoi fiat s’artari chentza de forra, sa cobertura torrada a fai de pagu e dònnia annu ddoi faiant sa festa de sa santa. In su 1888 iant po-finas torrau a fai sa sagristia.

Scedas pigadas de www.comune.maracalagonis.ca.it “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” e furriau in sardu de su “Portalitu de sa Lìngua Sarda”

Chiesa di Santa Lucia: una chiesetta di campagna ritrovatasi all’interno del paese
© Ida Farci

La chiesa di Santa Lucia, oggi entro l’abitato, nella periferia nord-est, era in campagna sino agli anni Cinquanta del secolo scorso. Semplice ed essenziale, è costituita da unica navata dalla copertura lignea e da una piccola sacrestia adiacente al lato destro. La testimonianza più antica risale al 29 maggio 1599, quando viene menzionata tra le chiese rurali filiali della parrocchiale di Santa Maria nella visita pastorale a Mara Calagonis di mons. Alonso Lasso Sedeño. Tra gli ordinamenti impartiti dal prelato vi è quello, rivolto all’obriere competente, di mettere una serratura alla sua porta. Mons. Francisco Desquivel, nella visita pastorale del 4 febbraio 1613, ordinò invece che essa venisse imbiancata e che fosse restaurato il suo retàblo, che definì molto vecchio. Come tutte le chiese campestri, era affidata alla custodia di uneremita nominato con speciale patente vescovile, in questo caso lo stesso che vigilava sulle chiese montane di San Basilio e di San Gregorio. Molti maresi, nelle loro ultime volontà, devolsero lasciti perché in essa venissero celebrate messe in loro suffragio; il primo lascito testamentario attualmente noto risale al 2 aprile 1681. Fu spesso scelta come ultima dimora: il 13 giugno 1709 vi fu sepolto, per esempio, il suo eremita Franceso Guiso. Un documento del 1777 riferisce che non si aveva alcuna notizia sulla sua fondazione, che distava dal villaggio mezzo quarto d’ora, che non aveva alcuna rendita ma che era comunque tenuta con tutta la decenza dovuta al culto divino. Nel resoconto sulla visita pastorale eseguita dall’arcivescovo Emanuele Marongiu nel maggio del 1844, si annota: «La chiesa rurale di Santa Lucia non ha tetto, per fare il quale esiste in deposito presso il sindaco Rafaele Etza la somma di lire 60 circa». Il 29 dicembre 1846, un muratore di Mara, certo Cilloi, predispose il calcolo dei lavori da farsi, e cioè: rinforzare, pulire ed imbiancare i muri; ricostruire il tetto ligneo e posizionare le tegole sovrastanti; pavimentare. I lavori furono eseguiti, come deduciamo dalla visita pastorale di mons. Giovanni Antonio Balma, del 15 gennaio 1873, nella cui relazione si legge: «Ci siamo poi recati alla chiesetta di Santa Lucia, bensì fuori ma a poca distanza dal paese. Vi è l’altare con ara senza fodera, il tetto è di legno recentemente costruito; vi si celebra tutti gli anni la festa della Santa». Nel 1888 fu costruita, in sostituzione dell’antica, l’attuale sacrestia.
Tratto dall’home page di www.comune.maracalagonis.ca.it nel link “Tradizioni e Cultura a Maracalagonis” > “Le Chiese” - Tradotto in sardo dal “Portalitu de sa Lìngua Sarda” della Provincia di Cagliari

Church of Saint Lucia: a country church that found itself in the middle of a town

The church of Saint Lucia, which today stands inside the perimeter of Maracalagonis, on the north-east area of the town, was in the countryside until the 50s of the last century. Simple and basic, it consists of a single nave under a wooden roof and a small sacristy adjacent to its right side. The oldest proof of its existence dates back to May 29, 1599, when it was mentioned among the rural churches of Saint Mary in the pastoral visit to Maracalagonis by monsignor Alonso Sedeño Lasso. Among the orders given by the prelate there was one, directed to the obriere, to put a lock on its door. Monsignor Francisco Desquivel, in his pastoral visit in February 4, 1613, ordered instead for the church to be whitewashed and its retablo to be restored, which he called “very ancient”. As all rural churches, it was in the custody of an hermit, appointed by the bishop with a special license: in this case, the same one also watched over the mointain churches of Saint Basil and Saint Gregory. Many inhabitants of Maracalagonis, in their wills, devolved their possessions so that Masses could be celebrated for them; the first bequest we know dates back to April 2, 1681. Often, the church was chosen as a final resting place: in June 13, 1709, its hermit Francesco Guiso was buried there, for example. A document from 1777 reports that no one had any information about its foundation, half a quarter of an hour distant from the town. It also states that it provided no income, but that it was kept with the decency that should be attributed to sacred places. In the report on the pastoral visit that Archbishop Emanuele Marongiu made in May 1844, he notes: "The rural church of Saint Lucia has no roof. To build it, the mayor Rafaele Etza allocated the sum of approximately 60 lire”. In December 29, 1846, a mason of Maracalagonis, Cilloi, analyzed the work to be done, namely: strengthening, cleaning and painting the walls; rebuilding the wooden roof and placing the tiles above it; paving. The work was carried out, as we deduce from the pastoral visit of monsignor Giovanni Antonio Balma in January 15, 1873, whose report states that: "we went to the church of Saint Lucia, outside but not far from the town. There is an altar with an unlined ara, the roof is wooden and newly built; the Feast of the Holy One is celebrated there every year”. In 1888, the current sacristy was built to replace the old one.
Taken from the homepage of www.comune.maracalagonis.ca.it link in "Traditions and Culture in Maracalagonis"> "Churches" - Translated from the Sardinian version in "Portalitu de sa Language of Sarda" of the Province of Cagliari.

[ Torna all'inizio della pagina ]