[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Leggi il contenuto

Piano Urbanistico Provinciale/Piano Territoriale di Coordinamento (PUP/PTC)

Piano Urbanistico Provinciale/Piano Territoriale di Coordinamento (PUP/PTC)

Il Piano Urbanistico Provinciale/Piano Territoriale di Coordinamento, definito dall’art. 20 del D.Lgs. 267/2000 e dagli artt. 4 e 16 della L.R. 45/89 “Norme per l’uso e la tutela del territorio regionale”, ha iniziato il suo iter con la stipula del Protocollo d’Intesa tra R.A.S e Province (novembre 1996) nel quale si stabilivano contenuti, obiettivi e fasi in cui doveva articolarsi l’attività di predisposizione del PUP. Tale attività, che ha avuto inizio alla fine del 1998 con la costituzione (dopo opportuna selezione) dell’Ufficio del Piano, ha avuto diversi momenti di verifica, anche politiche:

1) approvazione delle prime tre fasi di lavoro del Piano (previste dal Protocollo d’Intesa RAS-Provincia) comprendenti il lavoro di analisi del territorio e le linee guida del procedimento di formazione, approvazione e attuazione – Del. C.P. n. 12 del 03.02.2000;

2) approvazione Bozza di Piano (comprensiva delle fasi 4 e 5 del Protocollo) – Del. C.P. n. 10 del 13.02.2001;

3) adozione del PUP avvenuta il 30.07.02 - Del. C.P. n. 55 del 31.07.2002;

4) approvazione del PUP - Del. C.P. n. 133 del 19.12.2002.

5) approvazione definitiva da parte del Comitato Tecnico Regionale dell’Urbanistica e pubblicazione sul BURAS del 19.02.2004 (data di vigenza del Piano)

Il Piano Urbanistico Provinciale/Piano Territoriale di Coordinamento si articola in quattro momenti sia conoscitivi che strumentali:

a) conoscenza di sfondo – raccolta e organizzazione dei dati territoriali che costituiscono la base conoscitiva del Piano, secondo settori di studio che vengono definiti geografie;

b) ecologie – l’ecologia è una porzione del territorio che individua un sistema complesso di relazioni tra processi ambientali, insediativi, agrario-forestali e del patrimonio culturale. I processi vengono definiti all’interno delle componenti elementari che formano l’ecologia stessa;

c) sistemi di organizzazione dello spazio – modalità di gestione dei servizi pubblici, infrastrutturali, urbani;

d) campi del progetto ambientale - aree territoriali caratterizzate da risorse, problemi e potenzialità comuni cui si riconosce una precisa rilevanza in ordine al progetto del territorio. La loro individuazione costituisce l’avvio del processo progettuale del tipo collaborativo che coinvolge diversi soggetti territoriali per la costruzione di accordi di campo su specifici ambiti o campi problematici.

La Normativa del Piano si articola secondo tre Titoli:

- Titolo I – contiene le finalità e la natura del piano;

- Titolo II - Normativa di coordinamento degli usi – si articola secondo due Capi:

- Capo I – Ecologie;

- Capo II - Sistemi di organizzazione dello spazio;

- Titolo III - Normativa di Coordinamento delle Procedure - contiene i Campi del progetto ambientale.

Di seguito è riportato l'elenco degli elaborati testuali e cartografici che costituiscono il PUP/PTC vigente: scarica l'allegato Elenco elaborati PUP/PTC.

 

Attenzione:

Comunichiamo che alcuni allegati sono di grandi dimensioni pertanto si consiglia di scaricarli in modo da rendere più veloce e agevole la loro apertura e lettura.
Per poter scaricare i file, posizionare il mouse sopra il titolo dell'elaborato, quindi fare clic con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome...".

[ Torna all'inizio della pagina ]