[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Bibrioteca Provintziali - Casteddu

BIBRIOTECA PROVINTZIALI - VILLA CLARA - CASTEDDU

foto biblioteca provinciale Villa Clara tenit una stòria longa chi cumentzat candu custu logu est stètiu sceberau de is paras Gesuitas comenti a arretiru spirituali. Agoa est bènniu a essi su manicòmiu, finsas a lompi a oi chi est unu logu de cultura, postu in d-unu de is puntus prus bellus de sa tzitadi de Casteddu. Totu custus acontèssius stòricus funt ancora in is murus de sa villa, chi su progetu de arràngiu at circau de aguantai.
In custa villa nc'at passau is fèrias de istadi su deputau Pietro Ghiani Mameli impari a sa mulleri Clara, finsas a candu su Professori Sanna Salaris iat detzìdiu de ndi fai sa domu de su diretori de su manicòmiu, chi iat progetau su ingennieri Stanislao Palomba in su 1900. Difatis in su bulletinu de su manicòmiu de su 1890, fait a ddoi ligi ca iant scerau custu logu po custas arrexonis: “giusta distanza dalla città, salubrità dell’aria, adeguato riparo dal maestrale, ampio terreno intorno per impiantare una colonia agricola e utile Villa padronale”. Passendi-nci su tempus perou, sa villa nci at pèrdiu sa funtzioni cosa sua, e no est stètia ni logu de fèrias e prus pagu paru logu de arrapresentàntzia de su diretori. In is annus '60 ndi ant fatu sa setzioni de isulamentu de is fèminas arrecoveradas in su manicòmiu. Tocat a pensai puru, ca in cussus annus su spidali, ca fiat nàsciu po 400 malàdius, ndi teniat 1500 de malàdius.
Agoa, in su 1978, candu est arribada sa lei Basaglia, chi at cambiau totu is arrègulas de is curas psichiàtricas e at serrau is manicòmius, in sa villa ddoi ant fatu una “casa-famiglia”. In su 1982, ddoi est stètia sa “Protezione Civile” e apustis su logu est stètiu sbendonau.
Su progetu de s'aministratzioni po sa bibrioteca provintziali at bòfiu arrespetai s'orìgini de custu logu, torrendi-ddu a arrangiai anca fiat sderrutu e torrendi-ndi a pesai duas domus chi ndi fiant arrutas. Pensendi-dda aici, nd'ant stantargiau su “Corpo Nuovo Consultazione” chi est beni postu in mesu de is àteras partis, sceti prus tzentrali e pagu-pagu prus artu. S'àtera parti noa est su “Corpo Nuovo Belvedere”, chi est a “L”, de sa pròpiu artària de is àteras, a cobertura de linna a crabiolas, e si incarat a sa pratza cun d-una faciada de imbirdi. Su progetu at arrespetau is murus chi s'agatànt giai ma finas is ideas e totu is cosas particularis de su progetu originali.
In su pranu terra ddoi funt is servìtzius de presta e de torrada de is lìburus, a su costau ddoi funt is novas literàrias, e a s'àtera ala ddoi funt is aposentus de ligi e castiai is lìburus. In d-una ex gisterra ddoi est s'amosta de sa stòria de Villa Clara, chi est abarrada comenti fut, po testimonia de su tempus passau. Is àterus aposentus mannus podint essi imperaus po is fainas de sa bibrioteca, po is piciocus, po presentadas, laboratòrius o eventus puru. In totu is aposentus de ligi ddoi at 36 postatzionis de internet. In su primu pranu ddoi est s'aposentu  de is cunferèntzias, chi podit essi aberta candu est aberta sa biblioteca o finas candu est serrada. Agoa ddoi funt is ofìtzius de su personali e de sa diretzioni e no tocat nimancu a si-ndi scaresci de sa cafeteria, de sa pratza, anca fait a fai spetàculus e projetzionis o a ligi inforas, e de is terratzus.

Scedas pigadas de PROVINCIA DI CAGLIARI LAVORI DI RESTAURO E RISTRUTTURAZIONE FUNZIONALE DI VILLA CLARA e furriadas in sardu de su Portalitu de sa Lìngua Sarda


Le vicende storiche inerenti l’edificio che domina uno dei colli di Cagliari sono indissolubilmente legate alle sue strutture murarie che vengono in questo progetto recuperate e risanate dopo lunghi anni di abbandono.
La villa ha infatti conosciuto differenti stagioni, è passata attraverso le attenzioni del deputato banchiere Pietro Ghiani Mameli che vi villeggiava con la moglie Clara nel periodo estivo sino a divenire per volere del Professor Sanna Salaris l’alloggio del direttore dell’ospedale psichiatrico progettato dall’Ing. Stanislao Palomba nel 1900.Infatti come si legge nel bolletino del manicomio di Cagliari (anno 1890), fu scelto proprio il Colle di Monte Claro per la realizzazione del presidio medico mentale per :” giusta distanza dalla città, salubrità dell’aria, adeguato riparo dal maestrale, ampio terreno intorno per impiantare una colonia agricola e utile Villa padronale”. Una volta inglobata nel cosiddetto “manicomio” il complesso edilizio ha, però, via via perso il ruolo sia di tenuta di vacanze che di episodio di rappresentanza, per essere trasformato negli anni ’60 in reparto di isolamento della sezione femminile. In quegli anni l’ospedale, concepito originariamente per ospitare 400 pazienti, contava oltre 1500 ricoverati con un conseguente drammatico sovraffollamentoDopo la legge Basaglia del 1978, con lo smantellamento del modello di assistenza psichiatrica di tipo “custodialistico-coercitivo”, l’edifico parzialmente risanato ha ospitato una casa famiglia. L’ultimo utilizzo legittimo risale al 1982 quando fu sede della Protezione Civile, poi l’abbandono. Il progetto, illustrato negli elaborati grafici allegati, intende sviluppare, senza sostanziali alterazioni, in forma esecutiva le indicazioni contenute nel Progetto Definitivo, predisposto dall’Amministrazione Comunale, per il Restauro e la Ristrutturazione funzionale di Villa Clara destinata ad ospitare la Biblioteca Provinciale e i servizi bibliotecari di Cagliari.
Gli interventi proposti interpretano le linee guida espresse chiaramente nella fase progettuale precedente tramite le relazioni, i disegni e i computi metrici.
L’amministrazione provinciale ha infatti deciso il fedele restauro degli edifici appartenenti all’antico complesso denominato “Villa Clara” e la ricostruzione dei due corpi andati perduti seguendo una duplice obiettivo: la nuova edificazione deve dialogare con le preesistenze architettoniche e contemporaneamente introdurre elementi compositivi dichiaratamente contemporanei per evitare irriverenti “falsi storici”.
Sulla scia di tali considerazioni il fabbricato su due livelli chiamato “Corpo Nuovo Consultazione” incastrato come un tassello mancante nella planimetria originaria, si mimetizza all’esterno in perfetta continuità con i prospetti adiacenti, imponendosi esclusivamente per la sua posizione centrale e per la maggiore altezza. All’interno, invece, denuncia tutta la sua contemporaneità attraverso l’impiego di una ossatura metallica staccata dall’involucro murario per consentirne l’immediata percezione.
Un risultato differente, ma comunque organico, si ottiene sull’altro edificio ad “L” definito “Corpo nuovo Belvedere” . Le medesime scelte ideologiche portano infatti a realizzare un episodio architettonico caratterizzato dalla continuità volumetrica con l’edificio storico contiguo che presenta uguale altezza e identica copertura lignea a capriate. L’attualità costruttiva è dichiarata senza incertezze sull’affaccio alle corti, dove una trasparente e neutra facciata vetrata non lascia dubbi sulla sua collocazione temporale.
Nel restauro si pone particolare attenzione al risanamento delle murature vecchie, all’impiego di materiali e tecniche costruttive consolidate nel tempo, alla conservazione degli elementi tipologici peculiari della villa, al mantenimento dei rapporti dimensionali degli spazi e dei volumi esistenti.
La suggestiva collocazione, la delicata fisionomia architettonica, la lineare articolazione spaziale dell’intero complesso “Villa Clara” consente di organizzare una distribuzione funzionale approntata sulle esigenze di una moderna biblioteca in modo semplice ed immediato. La Villa vera e propria, grazie alle sue peculiari caratteristiche architettoniche, si pone come nodo centrale della rete di attività bibliotecarie. Al piano terra si concentrano infatti le funzioni “reference” di iscrizione, prestito/restituzione ed orientamento del pubblico. Nei locali adiacenti: da un lato, trova posto l’emeroteca e l’esposizione delle novità; dall’altro, si dispongono in sequenza le sale per la lettura e la consultazione diretta dei tesi. Un piccolo volume voltato, un tempo forse destinato a cisterna, viene conservato senza alterazioni per ospitare una esposizione permanente sulla storia di Monteclaro e della sua Villa. In qualità di “reperto architettonico” partecipa direttamente come testimonianza storica alla mostra tematica di cui è contenitore. Tre sale laterali possono, con l’arredo, essere rese indipendenti per configurare la sezione ragazzi, idonee anche ad iniziative con animatori e laboratori creativi.
Tutte le sale lettura e consultazione sono informatizzate ma in particolare un ambiente è strutturato per accogliere 36 postazioni internet. Nelle sale lettura del piano terra, con facile accessibilità, trova posto una cabina per ipovedenti, al contempo isolata e unita al resto della struttura.
Al primo piano, direttamente collegata con l’ingresso e affacciata sul cortile principale, si individua la sala conferenze. Tale collocazione consente il suo utilizzo, sia nell’orario di chiusura che di apertura al pubblico della biblioteca, senza intralcio alla normale gestione e godendo di una effettiva autonomia.
I differenti uffici per il personale interno sono così distribuiti:
- l‘ufficio catalogazione è in posizione d’angolo connesso alle sale consultazione/ lettura;
- l’ufficio direzionale occupa una stanza baricentrica rispetto all’intero complesso ed e in prossimità degli uffici destinati ai settori – amministrativo, contabile, bibliotecario addetto all’acquisizione documentaria, alla promozione della lettura, alla gestione informatica, alle attività del Centro Servizi Bibliotecari. Un’ala importante del complesso, con ingresso indipendente, ospita lo spazio caffetteria con relativi locali di deposito. Partecipano attivamente alla funzionalità della biblioteca gli spazi esterni del piano terra, suddivisi in diverse corti per garantire lo svolgimento sia di spettacoli musicali e teatrali, che proiezioni cinematografiche. Naturalmente la lettura all’aperto e prevista in tutti gli spazi on de our comprese le terrazze del piano primo.

The historical events related to the building that dominates one of the hills of Cagliari are inextricably linked to its walls, that, in this project, were recovered and restored, after many years of neglect. In fact, the villa has had different seasons: it has gone through the care of the banker, and MP, Pietro Ghiani Mameli, who spent his summer vacations there with his wife Clara, until professor Sanna Salaris chose the house as an accommodation for the director of the psychiatric hospital, designed by the engineer Stanislao Palomba in 1900. In fact, as it is stated in the bulletin of the asylum of Cagliari (1890), the reason why Colle di Monte Claro was chosen as a site for the mental health center was that “it has the right distance from the city, clean air, adequate shelter from the wind. It is surrounded by spacious grounds for agricultural usage and it has a handy manor on it”. Once incorporated into the so-called "asylum”, the complex has, however, gradually lost its role as a holiday mansion, to be transformed in the 60s in the isolation ward of the women's section. In those years, the hospital, originally designed to accommodate 400 patients, had over 1,500 inmates, with a consequent dramatic overcrowding. After the Basaglia Law in 1978, with the dismantling of the "custodial-coercive" model of psychiatric care, the partially restored building hosted a foster home. Its last legitimate use dates back to 1982, when it was the office of the Civil Defense, then it was abandoned. The project, illustrated in the drawings attached, aims to develop, without substantial changes, in an executive form, the instructions of the final design, prepared by the City Council, for the Restoration and Functional Renovation of Villa Clara, to house the Provincial Library and the librarian services of Cagliari. The actions proposed interpret the guidelines clearly expressed in the planning stage through previous reports, drawings and bills of quantities. The provincial government has decided the faithful restoration of the buildings belonging to the old complex called "Villa Clara" and the reconstruction of the two lost bodies, through a twofold objective: the new building must converse with the existing architecture and simultaneously introduce compositional elements that are avowedly contemporary, to avoid an irreverent sense of "false history". In the wake of these considerations, the building on two levels, called "New Consultation Body”, the stuck like a missing piece in the original plan, blends with the outside in perfect continuity with the adjacent structures, only imposing on them for its central location and the greater height. Inside, however, it displays its contemporary style through the use of a metal frame detached from the casing wall, to allow its immediate perception. A different result, though still organic, is achieved on the other "L" building, defined “New Belvedere Body”. The same ideological choices lead in fact to make an episode characterized by architectural volumetric continuity with the historic adjacent building, presenting the same height and the same wooden roof trusses. The construction actuality is declared without hesitation on the courts, where a transparent and neutral glass facade leaves no doubt about its age. In the restoration, a particular attention has been given to the restoration of the old walls, to the use of materials and construction techniques consolidated over time, to the conservation of the typical elements of the villa, to the maintenance of the dimensional relationships of space and existing volumes. The inspiring location, the delicate architectural features, the linear spatial articulation of the complex "Villa Clara" are able to provide a functional distribution, built on the needs of a modern library in a simple and immediate ways. The villa itself, with its peculiar architectural features, stands as the central node of a network of library activities. On the ground floor, the "reference" functions are concentrated: subscription, loan, return and orientation of the public. In adjacent rooms: on the one hand, we find the newspaper library and an exhibition of new items; on the other, there is a sequence of reading and thesis consultation halls. A small vaulted volume, once perhaps used as a water tank, has been preserved without alterations to house a permanent exhibition on the history of Monte Claro and its Villa. As an "architectural exhibit”, it directly takes part as a historical witness to the exhibition theme of which it is the container. Three side rooms can, through the furniture, be made independent to create a Kids section, also suitable for initiatives with animators and creative workshops. All the reading and consultation halls are computerized, and a special environment is designed to accommodate 36 internet terminals. In the reading rooms of the ground floor, with easy accessibility, are placed a cabin for the visually impaired, at the same time isolated and joined to the rest of the structure. On the first floor, directly connected to the entrance and overlooking the main courtyard, you’ll find the conference room. This position allows its use, both at opening and closing times, without hindrance to the public library, while providing genuine autonomy. The different offices for the staff are distributed as follows:
- The Catalogue Office is in a corner position, connected to the consultation/reading halls;
- The Executive Office occupies a room at the centre of the entire complex, near the other offices: administrative, accounting, acquisition, promotion of reading, computer operations, activities of the Library Services.
An important wing of the complex, with its own entrance, houses the café space with its storage rooms. The external spaces on the ground floor actively participate in the functionality of the library. They are divided into several courts to ensure the possibility of both musical and theatrical performances, and also film screenings. Of course, public readings are expected in all areas of our tour, including the terraces of the first floor.

[ Torna all'inizio della pagina ]