[ Salta i menù e i servizi e vai direttamente ai contenuti ]

[ Salta al Menù orizzontale ]

In questa pagina sono disponibili i seguenti servizi:
Menù orizzontale [1];
Lingua [2];
Ricerca [3];
Menù di navigazione[4];
Contenuti;

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Lingua ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

[ Salta alla Ricerca ]

[ Torna all'inizio della pagina ]

Basìlica de Nosta Sennora de Bonària – Casteddu

Basìlica de Nosta Sennora de Bonària – Casteddu

Basìlica de Nosta Sennora de Bonària – Casteddu Probiana a su Santuàriu de su Trexentus, sa basìlica dd'iant fabricada po sa voluntadi de Bernardo de Cariñena, Para Mercedàriu de su guventu de Bonària nomenau pìscamu de Casteddu a s'acabbu de su de XVII sèculus. In su 1704 iant stabilèssiu e cumentzau su fàbricu, ma is  trabballus si fuant firmaus a is primus fasis.
Sa crèsia dd'iant incingiada, difatis, sceti in su 1926, e cunsagrada in cuss'annu etotu, mancai non essat acabbada. Su Paba Pio XI dd'acansat su tìtulu de Basìlica Minori.
Su guvernu nou de su Ducau de is Savojas, chi benit apustis de su 1704, intregat a fàiri su progetu a s'nginnieri militari piemontesu Antonio Felice De Vicenti, chi proponit unu mòlliu de linna chi at a arresurtai sa primu òpera de architetura baroca in s'Ísula, innui De Vicenti ponit impari elementus piemontesus pigaus mescamenti de Guarini, e ispanniolus. Su progetu suu, mai fatu, previdiat una strutura a tres navadas, cun su transetu pagu marcau, cùpulas asuba de su presbitèriu e a s'ingruxada cun su transetu, pròciu de s'intrada. In su 1742 ndi pesant su pròciu
Aìnturu de su 1764 e su 1765 s'artista casteddaju Squinardi iat scurpiu is colunnas allobadas chi s'arrepitint peri sa navada. Su trabballu dd'iant apustis congruiu is maistus de linna Denergry e Dejoannis.
In su 1778 intrat un'ateru inginnieri piemontesu, Giuseppe Viana, chi at a propònniri àteras mudaduras, mai fatas. Is trabballus, difatis, ddus iant suspèndius po sèmpiri in su 1804, poita ca mancat su dinari e po sa contrariedadi de su guvernu sabàudu.
In su 1866, su Comunu de Casteddu intrat in possessu de su guventu e de su logu innui fuant fendi sa crèsia. In ocasioni de is trabballus chi iant mudau su sètiu a su santuàriu, aìnturu de su 1869 e su 1875, si torrat a pònniri manu a su progetu de su fràbicu. In su 1907 su Paba Pio X procramat sa Vìrgini de Bonària Amparadora Màssima de sa Sardìnnia, acoitendi s'inghitzu de su cantieri, chi at a èssiri ativu torra in su 1910, intregau a sa ghia de s'ingennieri Riccardo Simonetti. Custu ùrtimu progetat una pranta a gruxi cun tres navadas e unu transetu amprosu; imboddiat a cùpula, congruia cun sa lanterna e impostada asuba de unu tamburu otogonali, s'ingruxadura de is bratzus; fabricat capellas fungudas a is partis; imboddiat a cuba, innui asuta s'arrepitint is arcus, sa navada de mesu e a vela, cun cupuleddas a otu facis, is de is partis. Su contributu  prus de importu de Simonetti est cussu de sa cùpula e de is coberturas de is navadas in ciumentu armau, materiali nou imperis bètiu in Sardìnnia, de su progetu e de s'òpera si  ndi incarrigat su sòtziu Porcheddu de Torinu.
Sa faciada est pratzia in tres òrdinis: in cussu de bàsciu s'aberint tres arcus, inguarnissaus de lesenas allobadas, chi introdusint a su pròciu de s'intrada, dividiu in tres campadas, intamis in s'òrdini de susu s'aberit sa lolla de is beneditzionis, sormontada de unu timpanu cun su stema de is Mercedàrius.
Is bombardamentus de su 1943 ndi faint arrui is stucus doraus de is bòvidas de sa cùpula, de is guarnissas e de is arrebussus pintaus. In s'interis de is primus trabballus de assèliu, fatus de su Gèniu Tzivili imperis s'acabbu de sa gherra, sighint in su 1958, cussus chi donant a sa crèsia sa bisura chi connosceus oindì, ghiaus de s'architetu peruginu Gina Baldracchini. Su decaimentu de is struturas in ciumentu armau, po mori de s'umididadi e de s'àiri salia, iat arrechèdiu àterus trabballus, ghiaus, aìnturu de is annus 1983 e su 1998, de is architetus Jolao Farci e Marco Atzeni.

Basilica di Nostra Signora di Bonaria - Cagliari

Attigua al Santuario trecentesco, la basilica fu edificata per volontà di Bernardo di Cariñena, Padre Mercedario del convento di Bonaria divenuto arcivescovo di Cagliari alla fine del XVII secolo. La edificazione fu statuita ed avviata nel 1704, ma non superò le fasi preliminari. La chiesa fu inaugurata, infatti, soltanto nel 1926, anno della consacrazione che si tenne nonostante l’edificio non fosse completamente ultimato. Ebbe da Pio XI il titolo di Basilica Minore. Il nuovo governo del Ducato dei Savoia, successivo alla data del 1704, affidò la redazione del progetto all'ingegnere militare piemontese Antonio Felice De Vincenti, il quale propose un modello ligneo che costituisce la prima affermazione di architettura pienamente barocca nell’Isola, ove il De Vincenti fonde elementi piemontesi, prevalentemente derivati dal Guarini, e spagnoli. Il suo progetto, mai realizzato, prevedeva un impianto trinavato, con transetto poco pronunciato, cupole sul presbiterio e all'incrocio con il transetto, pronao d'ingresso. Nel 1742 fu costruito il pronao. Tra il 1764 e il 1765 il marmoraro cagliaritano Squinardi realizzò le colonne binate che scandiscono la navata. Il lavoro fu poi completato dai carpentieri Denergry e Dejoannis.Nel 1778 subentrò un ulteriore ingegnere piemontese, Giuseppe Viana, il quale apportò al progetto consistenti modifiche, mai realizzate. I lavori, infatti, furono sospesi definitivamente nel 1804, per mancanza di fondi e per l'opposizione del governo sabaudo. Nel 1866 il convento e l'area dell'erigenda chiesa furono incamerati dal Comune di Cagliari. In occasione dei lavori che sconvolsero l'assetto del santuario, tra il 1869 e il 1875, si riprese il progetto di edificazione. Nel 1907 papa Pio X proclamò la Vergine di Bonaria Patrona Massima della Sardegna, accelerando la riapertura del cantiere, che venne riattivato soltanto nel 1910, affidato alla direzione dell’ingegnere Riccardo Simonetti. Quest’ultimo ideò un impianto cruciforme trinavato con ampio transetto; voltò a cupola, conclusa da lanterna e impostata su tamburo ottagonale, l’intersezione dei bracci; costruì profonde cappelle laterali; voltò a botte, scandita da sottarchi, la navata centrale e a vela, con cupolini ottagonali, le laterali. Il più rilevante contributo del Simonetti è costituito dalla cupola e dalle coperture delle navate in cemento armato, materiale innovativo appena introdotto in Sardegna, della cui progettazione ed esecuzione si occupò la società Porcheddu di Torino. La facciata è ripartita in due ordini: quello inferiore reca tre fornici, inquadrati da coppie di lesene, ed immette nel pronao d'ingresso, diviso in tre campate, mentre nell’ordine superiore si apre la loggia delle benedizioni, sormontata da un timpano con lo stemma dei Mercedari.I bombardamenti del 1943 provocarono la caduta degli stucchi dorati delle volte e della cupola, delle cornici e degli intonaci dipinti. Ai primi lavori di ripristino, operati dal Genio Civile nell'immediato dopoguerra, seguirono, dal 1958, quelli che conferirono all'edificio l’aspetto attuale, diretti dell'architetto perugino Gina Baldracchini. Il degrado delle strutture in cemento armato, causato dall'umidità e dall'aria salmastra, ha reso necessari ulteriori lavori di restauro, diretti, tra il 1983 ed il 1998, dagli architetti Jolao Farci e Marco Atzeni.

Basilica of Our Lady of Bonaria - Cagliari

Adjacent to the 14th-century sanctuary, this Basilica was built by the will of Bernardo di Carinena, Mercedarian friar of the Convent of Bonaria and arcibishop of Cagliari at the end of the 17th century. Its construction began in 1704, but the works were interrupted. The church was opened only in 1926, when it was consacrated despite the fact that the building was still incomplete. It was entitled Minor Basilica by Pius XI. 
Then, the Savoy government entrusted the project to Piedmontese military engineer Antonio Felice De Vincenti, who proposed a new wooden model, the first instance of complete Baroque architecture in the island. De Vincenti combined Piedmontese elements, typical of Guarini's style, with Spanish ones. His project, never realized, included three naves, with a slightly pronounced transept, domes on the presbytery and at the intersection with the transept, as well as entrance pronaos. In 1742, the pronaos was built. Between 1764 and 1765, Cagliari marble worker Squinardi, built the twin columns in the nave. The work was then completed by carpenters Denergry e Dejoannis.
In 1778, another Piedmontese engineer was entrusted with the works and made important changes to the project, never implemented. The works were definitely stopped in 1804 because of the lack of funds and the opposition of the Savoy government. In 1866, the convent and the area of the church were taken over by the Municipality of Cagliari. The construction began again between 1869 and 1875, during the works that completely changed the structure of the sanctuary. In 1907, pope Pius X proclaimed the Virgin of Bonaria the main Patroness of Sardinia, and the works started again directed by engineer Riccardo Simonetti in 1910. His project included a cross plan with three naves with a huge transept, a domed vault with a lantern lying on an octagonal drum at the intersection of the arms. He included several side chapels. The central nave was marked by intradoses, surmounted by barrel vaults, whilst the side naves were surmounted by ribbed vaults and octagonal small domes. Simonetti's most important contributions are the dome and the ceilings surmounting the naves made of reinforced concrete. This innovative material had been recently introduced in Sardinia and was prepared and applied by company Porcheddu of Turin. The façade is divided into two orders: the lower one has three arches framed by pairs of pilasters, and opens onto the entrance pronaos, divided into three bays, whilst the upper one hosts the benediction loggia, surmounted by a tympanum with the coat of arms of the Mercedarian friars. The bombings of 1943 damaged the gilded stucco works of the vaults, the domes, the frames and the painted plasters. After the first restoration works carried out by civil engineers during the post-war reconstruction, in 1958 architect Gina Baldracchini from Perugia was entrusted with the works which gave it its current appearance. The degradation of the structures in reinforced concrete, caused by moisture and brackish, made further restoration works necessary, directed by architects Jolao Farci and Marco Atzeni, between 1983 and 1998.  

[ Torna all'inizio della pagina ]